BRUXELLES –  In Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni (LIBE) è stata votata la modifica della Decisione Ue 2015/1601, relativa al ricollocamento delle persone bisognose di protezione internazionale da Italia e Grecia, in seguito all’accordo Ue- Turchia. La Commissione LIBE si è espressa con 39 voti a favore, 9 contrari e 3 astensioni.

“Il testo proposto dalla Commissione europea – spiega l’on. Salvo Pogliese – non teneva in debita considerazione il fatto che, mentre la Grecia ha beneficiato di un’oggettiva diminuzione degli sbarchi, grazie all’accordo Ue-Turchia, la situazione per l’Italia rimane invariata e, anzi, rischia di peggiorare. Pertanto, in qualità di relatore ombra del PPE ho cercato di tutelare il nostro interesse nazionale, facendo approvare, insieme ad Alessandra Mussolini, alcuni emendamenti che hanno radicalmente cambiato la proposta iniziale. Con il voto odierno – sottolinea Pogliese – la Commissione LIBE si è espressa chiaramente contro la possibilità per gli Stati membri di detrarre il numero di Siriani reinsediati dalla Turchia, dal numero di persone che i diversi Stati membri si sono impegnati ad ospitare in virtù degli accordi di ricollocamento, dall’Italia e dalla Grecia. Inoltre, abbiamo fatto sì che i ricollocamenti dall’Italia e dalla Grecia – conclude Pogliese – possano riguardare oltre ai siriani, anche i cittadini eritrei, iracheni e afghani al fine di rendere più efficiente il sistema di ricollocamento, che ad oggi non funziona adeguatamente.”

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi