MINEO – “L’ennesima rivolta avvenuta  al Cara di Mineo, con furgoni ed auto date alle fiamme e il saccheggio dei magazzini del centro di accoglienza, è un ulteriore doloro schiaffo allo spirito di accoglienza della nostra terra che, pur tra mille difficoltà, si sobbarca il dispendioso e difficile compito di accogliere i migranti, ricevendone in cambio violenza e danneggiamenti. Non è più tollerabile assistere inerti a tali episodi, occorre siano immediatamente presi seri provvedimenti per innalzare il livello di sicurezza del Cara di Mineo e far comprendere, una volta per tutte, che l’accoglienza dei siciliani non è l’autorizzazione a calpestare le nostre leggi e minacciare la sicurezza del nostro popolo.”.
Lo ha dichiarato l’on. Salvo Pogliese, parlamentare europeo di Forza Italia, commentando la violenta protesta dei richiedenti asilo scoppiata  al centro accoglienza di Mineo.
Intanto un nigeriano di 31 anni è stato arrestato dalla polizia e altri due connazionali sono stati denunciati in stato di irreperibilità in seguito ai disordini scoppiati nella struttura a causa della mancata concessione di alcuni permessi di soggiorno per motivi umanitari.
I tre devono rispondere di devastazione e saccheggio, danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale e di altri reati. Ospiti del Cara che hanno partecipato alla rivolta sono in via di identificazione.

Scrivi