S. VENERINA – Comunità in festa per le nozze del sindaco. Il primo cittadino Salvatore Greco, ieri mattina, si è unito in matrimonio con Claudia Spina.

Il rito religioso, celebrato nella Chiesa Madre Santa Venera di Santa Venerina addobbata a festa con tulipani  e rose, è stato officiato da Don Giuseppe D’Aquino con la partecipazione di  altri sette concelebranti: Don Giovanni Marino, Don Antonello Russo, Don Giovanni Patanè, Don Agostino Russo, Don Giovanni Cavallaro, Don Giuseppe Pavone e Don Rosario Pappalardo.

Una cerimonia particolarmente sentita che ha visto la partecipazione di molti parenti ed amici tra cui molti amministratori dei paesi vicini.

Presenti anche tutti gli ex sindaci che negli ultimi anni hanno ricoperto la carica di primo cittadino di Santa Venerina.

“Questo è  un giorno bellissimo che dà una svolta alla vostra vita – ha ricordato Padre D’Aquino nell’omelia – che oltre a segnare il terzo anniversario del vostro fidanzamento coincide con il primo giorno del vostro matrimonio. Il matrimonio è una scommessa da portare avanti per tutta la vita. Il mio augurio religioso è che vi amiate per sempre e che la vostra unione resista a tutte le avversità della vita”.

La cerimonia è stata lunga (oltre un’ora e mezza) e molto intensa con momenti di particolare commozione quando Salvatore e Claudia si sono scambiati la promessa d’amore eterno.

Sei i testimoni. Per lo sposo: Salvatore Contarino, Antonio Greco  ed Antonio Russo. Per la sposa: Sebiana Ricca, Anna Spina ed Alfio Spina.

Alla fine del rito, pioggia di riso sul sagrato della chiesa ed applausi.

Dopo la cerimonia religiosa, gli sposi a bordo di un’auto d’epoca, si sono spostati in Piazza Regina Elena, antistante il municipio, dove hanno brindato con i dipendenti comunali, personalità politiche e tanti cittadini.

Agli sposi gli auguri più sentiti di una lunga e felice vita insieme!


-- SCARICA IL PDF DI: S. Venerina, si sposa il sindaco e tutti sono felici --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata