CATANIA – Nico Torrisi è da qualche ora ufficialmente e con pieni poteri amministratore delegato della SAC, la società che gestisce i servizi aeroportuali dello scalo di Catania. La nomina del Consiglio di amministrazione è stata, infatti, ratificata dal Colleggio dei revisori. Così sembrava chiusa una lunga fase di problemi e polemiche per l’importante incarico alla guida di quella che probabilmente è la più grande azienda del Catanese e non solo. L’indicazione di Nico Torrisi, vice presidente nazionale di Federalberghi, imprenditore nel settore del turismo e già per un breve periodo, a.d. della SAC, aveva messo d’accordo tutti, sia per parti politiche che quelle “tecniche”, cioè i rappresentati dei vari enti e categorie che esprimono il loro voto, in gran parte rappresentati dai commissari nominati dal presidente della Regione, Rosario Crocetta.

Tutto sembrava risolto quindi, tra flash, sorrisi e dichiarazioni di immediata ripresa e operatività, e invece a rovinare la festa sono i grillini. Il Movimento 5 stelle di Catania, con una nota del portavoce al Senato Mario Michele Giarrusso, oltre ad esprimere un forte dissenso contro la nomina di Domenico Torrisi ad amministratore delegato della Sac,, ha annunciato la presentazione di un’interrogazione parlamentare e di un esposto in Procura Contestati in pieno i criteri di assegnazione della carica per mancanza dei requisiti richiesti.
Nella nota del senatore si legge che “Torrisi, nella sua carica di Amministratore della Convention Bureau Spa, ha chiuso in perdita i bilanci degli ultimi 5 anni” e per questo non si comprende – continua Giarrusso – la scelta  del sindaco Bianco di nominare Torrisi Ad di Sac , “una scelta fuori dalle normative vigenti ma anche soprattutto scellerata dal punto di vista di tenuta economica e di gestione in quanto altamente deficitaria”.
Il Movimento 5 stelle di Catania, alla luce dei fatti sopra esposti, “esige le immediate dimissioni di Torrisi e, a breve, presenterà un’interrogazione parlamentare e un esposto alle Autorità competenti”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi