Si rinnova, da domani e sino al 29 gennaio, l’appuntamento con la Settimana Nazionale dei lasciti promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla con la collaborazione e il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, da anni vicino ad AISM, e insieme a UBI Banca. Anche a Palermo, Catania, Caltanissetta, Messina,  Modica e Favara  si terranno incontri  sul tema per sensibilizzare, informare e soprattutto offrire un servizio di consulenza in materia successoria. In ogni sede prescelta, alcuni notai saranno a disposizione dei cittadini per fornire un’informazione chiara ed esaustiva sul ‘testamento’”.

Si inizia martedì il 24 gennaio a Favara. L’incontro sarà ospitato dalle 15 nella Farm Cultural Park, cortile Bentivegna. A Palermo, il 25 gennaio, alle 17, l’incontro si terrà presso la Presidenza Scuola Politecnica (Aula Capitò) in viale delle Scienze, edificio 7. Sempre il 25 gennaio, a Modica, alle 18, nel Salone della chiesa di Sant’Anna in via Nazario Sauro. A Caltanissetta, il 26 gennaio, alle 17, l’incontro sarà ospitato nel Centro Polivalente ‘Michele Abbate’ in via Salvatore Averna 234. Il 27 gennaio sarà la volta di Catania. L’incontro si terrà  alle 18 presso l’Ospedale Garibaldi Centro (Aula Dusmet) in piazza Santa Maria di Gesù, 5. Sempre il 27 gennaio, appuntamento a Messina, alle 16.30 a Palazzo Leoni (Salone degli Specchi) in via Cavour, 86.

Sostenere con una disposizione testamentaria l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e la sua Fondazione significa garantire i servizi sanitari e sociali alle 110 mila persone colpite da sclerosi multipla e dare un futuro alla ricerca scientifica.  “Insieme al notaio, il nostro obiettivo è offrire una informazione su una materia tecnica e apparentemente distante dalla vita di tutti i giorni quale il diritto delle successioni” – dichiara Angelo La Via, Coordinatore Regionale AISM della Sicilia -. “Fare un lascito “solidale” può fare molto per le persone con SM; dal sostenere la ricerca, fondamentale per trovare una cura risolutiva e la causa della SM, al potenziare i servizi che l’AISM offre per migliorare, oggi,  la qualità di vita delle persone con SM e la loro inclusione sociale”.

La sclerosi multipla è una grave malattia, cronica, imprevedibile e spesso invalidante del sistema nervoso centrale che colpisce prevalentemente i giovani sotto i 40 anni e le donne in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Sono 3.400 i nuovi casi all’anno: 1 ogni 3 ore. Nel corso del 2015, AISM ha destinato 4,3 milioni di euro alla ricerca per un totale di 27 tra progetti e borse di studio; circa 57 milioni di euro sono stati investiti da AISM nella ricerca negli ultimi 26 anni, di cui 20 milioni solo nell’ultimo triennio; 374 sono i ricercatori finanziati da AISM dal 1987 ad oggi.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi