Catania. “Ci ritroviamo con l’asse viario incompleto perché mancano le strutture ed i servizi previsti per questo cantiere, tra via Don Minzoni e Largo La Madonnina, circa 150 metri di strada da ultimare espropriando alcune delle abitaqzioni circostanti.” A lanciare il grido di denuncia, attraverso un comunicato stampa, è il consigliere di Sicilia Democratica Giuseppe Catalano, ex presidente del consiglio di S.Govanni Galermo, che ancora molto vicino e attento ai problemi della frazione d’appartenenza, tenta di riaccende i riflettori su una vicenda che da anni deturpa il quartiere.

“Per migliorare la mobilità a San Giovanni Galermo e nell’intera zona nord di Catania è fondamentale portare a termine l’opera dell’Asse Viario e il progetto “Nord-Ovest”. Due strutture, approvate alla fine degli anni ’90 e con i lavori iniziati nel 2000, che da 15 anni aspettano di essere ultimate- sottolinea il consigliere- Tra via Don Minzoni, via Luisela e via Tonino Bella infatti ci sono solo i resti di una rotonda ad indicare il punto in cui si sono interrotti i lavori. Interventi dal costo di 25 milioni di euro complessivi che non sono mai stati completati ed oggi i sangiovannesi ed i pendolari, provenienti dall’hinterland etneo, che quotidianamente si spostano per raggiungere il centro cittadino sono costretti a sopportare disagi di ogni tipo.”

E Giuseppe Catalano non si limita a denunciare la questione, agguerrito più che mai punta il dito, sulle amministrazioni che si sono succedute negli anni, e che hanno permesso che tale scempio venisse compiuto e perpetuato giorno dopo giorno.

“Ad oggi occorrono circa 3 milioni di euro per ultimare l’opera dell’Asse Viario e il progetto “Nord-Ovest”. Per queste ragioni è fondamentale studiare un piano di interventi per dare, alla zona nord di Catania, un nuovo piano di circolazione stradale. Da qui porre finalmente le basi per un piano di  lavoro nel breve e medio periodo che possa portare a termine questi due cantieri”.

Nicoletta Castiglione                                                                                                 

Scrivi