sanità, ambulanze ferme per ore dopo la chiusura del Pronto soccorso di Giarre

Riceviamo e pubblichiamo.

GIARRE − La chiusura del presidio ospedaliero di Giarre sta creando non poche criticità come da tempo denuncia la UIL FPL di Catania, problemi che si stanno ripercuotendo sull’intero sistema sanitario provinciale. Infatti tutte le Ambulanze del 118, dopo la chiusura del Pronto Soccorso di Giarre, sono costrette a dover accompagnare i pazienti ai presidi di Taormina e Acireale con conseguente affollamento di questi pronto soccorsi che non sono attrezzati sia fisicamente che strutturalmente per supportare un notevole aumento di utenza e di mezzi di soccorso.

Questo sta creando momenti di fermo dei mezzi di soccorso fino a 5 ore nei Ps in questione scoprendo di fatto tutta la zona ionica che nel periodo estivo sara ancora più affollata.
“Ci sembra assurdo che dei mezzi di soccorso debbano sostare diverse ore nei presidi ospedalieri senza di fatto poter espletare il proprio servizio” – dice Stefano Passarello, segretario provinciale della UIL FPL che aggiunge: “Gli operatori del 118 devono sostare diverse ore nei Ps prolungando sistematicamente il proprio orario di lavoro aumentando così lo stato di stress pisco-fisico che questo tipo di professione comporta. Tutto ciò inevitabilmente comporterà notevoli disagi alla cittadinanza e all’intero sistema dell’emergenza. Di fatto la UIL FPL di Catania chiede un incontro con tutte le parti in causa per trovare immediatamente una soluzione pratica a tutto questo”, conclude la Uil FPL.

Uil Federazione Poteri Locali Segreteria Territoriale

Scrivi