GIARRE –  “Ospedale di Giarre: No alla spartizione del diritto alla salute. Al di la’ dei proclami nulla e’ ancora deciso!”. Lo ha detto l’avvocato Carmelo Calì, presidente di Confconsumatori Sicilia e in una nota annuncia per lunedì 16, alle ore 17, nella sede di Confconsumatori di Giarre, in via Niccolò Tommaseo, n. 121, una conferenza stampa, nella quale l’associazione illustrerà le iniziative che intende mettere in atto a difesa dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Sant’Isidoro” di Giarre.

Spiega Calì: “La presentazione, in questi giorni, ad alcune categorie sociali del nuovo piano sanitario regionale ha reso manifesto, qualora ce ne fosse ancora bisogno, il progetto, preordinato nel tempo, finalizzato alla definitiva chiusura dell’Ospedale di Giarre, ma non vi é nulla di definitivo ed il piano può essere modificabile. Risulta incontestabile il diritto dei cittadini residenti nel Distretto Sanitario di Giarre ad avere un proprio ospedale. Un piano che, in Provincia di Catania, salva tutti e, senza nessuna ragione, chiude solo Giarre, non ha nessuna logica e sembra affidato più ai criteri della politica che alla tutela diretta ed immediata della salute dei cittadini laddove essi vivono”.

Con questa presa di posizione, anche la Confconsumatori, così come il Comitato dei Cittadini, la Rete delle Associazioni e la Conferenza dei sindaci e dei presidenti dei Consigli comunali dei dieci Comuni del Distretto sanitario, intende portare avanti una battaglia serrata contro una decisione che penalizza in modo assurdo una popolazione di circa centomila utenti, mettendo seriamente a rischio le loro vite e negando di fatto il diritto alla salute.

“E’ finito il tempo delle rassicuranti e farisaiche promesse propinate ai cittadini del Distretto di Giarre su questo tema. – chiosa Calì – Adesso faranno da soli, senza padroni e senza padrini politici. E’ una battaglia da condurre innanzitutto sul piano istituzionale ed interverremo, da subito, nel procedimento di approvazione ancora in corso, affinché questa temporanea proposta, venga rivista e Giarre torni ad avere il proprio Ospedale di base”.

Mario Pafumi

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi