“Il governo Crocetta impedisce l’avvio dei servizi integrati – esordiscono i deputati regionali Gino Ioppolo e Nello Musumeci – nonostante la legislazione nazionale avesse previsto l’istituzione di questi servizi già nel 2000, la Sicilia solo l’anno scorso si è adeguata e ha approvato una propria legge  (l.r. n. 21/2014). Essa dispone, tra l’altro, che entro 120 giorni si sarebbe dovuto adottare un apposito decreto interassessoriale con cui disciplinare le modalità erogazione del servizio”- continuano i deputati di Lista Musumeci – è per questo che abbiamo presentato un’apposita Interpellanza al Governo regionale con cui chiediamo conto della grave e perdurante inadempienza.
“L’integrazione socio-sanitaria si prefigge “l’obiettivo di individuare una metodologia di programmazione ed erogazione di servizi, per l’appunto socio-sanitari, soprattutto a favore delle fasce più deboli come gli anziani e i disabili mentali, che superino la frammentarietà del sistema, ottimizzando le risorse, evitando, quindi possibili sovrapposizioni e spreco di risorse. E’ irragionevole e ingiustificabile – concludono i deputati regionali Gino Ioppolo e Nello Musumeci – il ritardo del Governo regionale il quale, con la sua perdurante omissione, non consente l’attivazione di servizi di fondamentale importanza per la salute e la qualità della vita dei Siciliani, specie quelli appartenenti alle fasce sociali più deboli e bisognose di interventi a sostegno.

Scrivi