“Per la definizione delle nuove piante organiche del personale sanitario delle singole aziende sanitarie che dovrebbe comportare lo sblocco delle assunzioni, si tenga conto non solo dei livelli di prestazioni in atto erogati ma di quelli che la nuova programmazione intende raggiungere per fare funzionare meglio la sanità e decidere nei singoli territori e assicurare livelli assistenziali ottimali in tutto il territorio non solo nei grandi centri metropolitani”. Lo afferma il deputato di Lista Musumeci Gino Ioppolo, intervenendo nel corso dell’audizione che la commissione Sanità dell’Ars ha tenuto nella Sala Gialla dell’Ars in presenza dei manager delle Asp e dell’assessora alla Salute, Lucia Borsellino.

“È questa l’occasione nel quale un governo − ha aggiunto Ioppolo − se ne ha capacità e voglia, opera scelte e costruisce una politica sanitaria adeguata alle esigenze di una grande e complessa regione come la Sicilia, senza affidarsi ai numeretti ragionieristici. In caso contrario sarà l’ennesima occasione persa e in un momento nel quale l’immagine della sanità siciliana è, purtroppo, al suo livello più basso”.

Scrivi