L’endocrinologia del Policlinico farà parte del gruppo d’azione sulla malattia di Cushing

MESSINA – Messina nella rete europea delle malattie rare: gli endocrinologi del Policlinico universitario “G. Martino”, insieme con pazienti e altri specialisti, saranno impegnati in prima linea nella ‘call to action’ promossa da Arcus, gruppo d’azione per le patologie meno diffuse in particolare Malattia di Cushing, ufficializzato dal Parlamento a Bruxelles a settembre scorso e cui hanno già aderito diversi Paesi dell’UE, pronti a coinvolgere i migliori reparti di endocrinologia con l’obiettivo di migliorare diagnosi, terapia e qualità di vita dei pazienti.

“Siamo felici di far parte di questa rete di respiro europeo scaturita dopo anni di incontri e riflessioni per creare un modello di tipo assistenziale e di valenza scientifica dedicato alla Malattia di Cushing, sulla quale più che in passato si è accesa una certa attenzione grazie anche alle nuove terapie disponibili, forte stimolo per il trattamento di casi difficili – dichiara Salvatore Cannavò, professore di Endocrinologia al Policlinico – era assolutamente necessario creare un network in grado di garantire omogeneità di cura a tutti i pazienti ovunque risiedano in Europa, spesso disorientati, sottoposti ad esami inutili per la mancanza di centri di riferimento riconosciuti. In questo momento il modello è in fase di elaborazione: sono tante le cose da realizzare, dall’organizzazione di un registro di malattia alla formazione via web di medici di base ed endocrinologi meno esperti”.

 

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi