PALERMO – “Il governo Crocetta, in particolare l’assessore Borsellino, ponga immediato rimedio all’allarmante situazione in cui versa il Centro regionale del sangue e il settore trasfusionale siciliano, per il quale il Ministero della Salute annuncia, a ragione, il commissariamento”.

Lo affermano i deputati del gruppo Lista Musumeci Nello Musumeci, Santi Formica, Gino Ioppolo (quest’ultimo componete della commissione Sanità dell’Ars) in merito alle vicende che hanno determinato le dimissioni di Pietro Bonomo dal ruolo di coordinatore del comitato tecnico e scientifico di supporto al Centro Regionale del Sangue. “E’ inaudito – affermano i tre parlamentari – che il Centro venga privato della direzione e del personale con competenza strategica e progettuale proprio nel periodo estivo, il più fragile sotto il profilo operativo e che continui a persistere, al contrario di quanto questo governo si ostina a proclamare, il caos totale nella gestione del personale, dove prevale la logica delle appartenenze invece che quella delle competenze, affrontata in modo demagogico e nocivo per la salute dei siciliani”. “Inoltre – proseguono i deputati – il governo nazionale ha stabilito entro il 31 dicembre 2014 il blocco operativo delle strutture trasfusionali e di quelle di raccolta accreditate, con il rischio di una gravissima interruzione del servizio pubblico. Un evento al quale non possiamo permetterci di arrivare impreparati, con il rischio che si verifichino carenze di sangue per le trasfusioni nelle strutture della regione. Il governo non attenda con le mani in mano il commissariamento di uno dei settori chiave della Sanità regionale, corra ai ripari e si occupi a tempo pieno di questa vicenda dalle prospettive catastrofiche, che i siciliani saranno costretti a subire pesantemente, ancora una volta”.

 

 

 

Scrivi