CEFALU’  – I sindacati della Funzione pubblica di Cgil, Cisl Uil Ugl, si fanno carico della preoccupazione di tutti i lavoratori della Fondazione Giglio di Cefalù, che ieri mattina hanno tenuto un’assemblea nei locali dell’ospedale, rispetto al paventato ridimensionamento del nosocomio. “Troviamo inaccettabile l’ipotesi di tagli e la conseguente annunciata soppressione di alcune discipline fondamentali per la sopravvivenza della Fondazione e per la salvaguardia della salute dei cittadini. La Fondazione Giglio, con i suoi oltre 7200 ricoveri annui, è una garanzia per il territorio madonita e non solo. Inoltre è una delle poche Aziende Sanitarie Regionali che ha chiuso i bilanci 2014 e 2015 in positivo – hanno preso posizione i sindacati in una nota congiunta al termine dell’assemblea con i lavoratori – L’ospedale Giglio, oggi Fondazione, è nato come polo d’eccellenza e tale deve restare. E’ inammissibile tornare indietro di 20 anni e ridurlo ad Ospedale di base. Non si può pensare di accentrare tutto a Palermo, di depauperare il territorio mettendo a rischio la salute di migliaia di utenti e di tagliare centinaia di posti di lavoro in un territorio già martoriato dalla crisi economica. Noi come organizzazioni sindacali siamo sempre stati contro gli sprechi e crediamo che i soldi pubblici debbano essere spesi meglio e con la massima trasparenza ma i territori vanno potenziati e non sacrificati”.

Pertanto le organizzazioni sindacali metteranno in campo tutte le dovute iniziative “affinché l’assessorato alla Sanità riveda questa irrazionale rimodulazione”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi