https://youtu.be/oPU72RVK4e4

Di Alice Vaccaro

SANTA MARIA DI LICODIA – Immagini che, fornite in esclusiva da Sicilia Journal e Video Star, lasciano di stucco per via della velocità con la quale è stato messo a segno il colpo. Un furto avvenuto poco prima delle 3.00 della notte scorsa ai danni del negozio d’abbigliamento, Kanal 32.
In cinque hanno agito lungo la centralissima via Vittorio Emanuele non curanti delle telecamere di video sorveglianza dello stesso negozio che hanno ripreso tutte le fasi dell’azione criminale. I balordi, con il volto travisato da passamontagna, si sono avvalsi dell’aiuto di un ariete d’acciaio per sfondare il pesantissimo vetro antiscasso della porta d’ingresso; ben 23 i colpi assestati prima di mandare in frantumi la vetrata. Si sono poi introdotti all’interno arraffando quanta più roba possibile. Momenti concitati, quelli filmati dalle telecamere di sicurezza, in cui si possono osservare i ladri entrare ed uscire dai locali dell’esercizio commerciale dopo aver prelevato capi di abbigliamento. Un’azione fulminea, solo una manciata di minuti durante i quali uno dei malviventi è addirittura caduto sui vetri andati in frantumi mentre si dirigeva all’esterno del negozio con in mano parte della refurtiva. Si sono successivamente dileguati con un bottino ancora tutto da quantificare ma di certo sostanzioso poiché costituito da un gran numero di costosi capi d’abbigliamento delle più note e migliori marche in commercio.
Il proprietario, allertato dall’allarme di sicurezza collegato al telefono cellulare, è subito uscito dalla propria abitazione per andare a verificare l’accaduto e mentre si recava lungo via Vittorio Emanuele ha incrociato, in zona circonvallazione, un’auto (un modello Alfa Romeo 147) che sfrecciava a gran velocità in direzione periferia. L’intuito – racconta lo stesso commerciante – lo ha spinto a memorizzare il numero di targa. Giunto in negozio l’amara sorpresa e guardando le immagini riprese dalle telecamere ha notato che i 5 balordi avevano utilizzato per il colpo grosso proprio un’Alfa Romeo 147, la stessa probabilmente che aveva incrociato poco prima. Da un primissimo controllo sul mezzo in questione sembrerebbe risultare una denuncia di furto. Sul posto si è prima fermata una gazzella dei Carabinieri della Stazione di Biancavilla (che si trovava di passaggio); poco dopo, allertati dai titolari del esercizio commerciale, sono giunti i Militari dell’Arma della locale Stazione per i rilievi del caso.
Non è la prima volta che il negozio in questione viene preso di mira: il 3 Settembre del 2014 un furto con spaccata spinse il proprietario a prendere precauzioni ed installare una porta con vetro rinforzato e due pesanti fioriere all’ingresso. Precauzioni che a nulla son servite la scorsa notte.
Tanta l’amarezza espressa a Sicilia Journal dal titolare di Kanal 32: “Non ci sono leggi che ci tutelano, il lavoro delle Forze dell’Ordine è limitato, lo stato ci massacra di tasse ed inoltre i commercianti siamo nelle mire della criminalità. In poche parole non si sa più come andare avanti. Mi sento rassegnato all’idea che da certa gente non possiamo proprio difenderci”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi