SANT’ALFIO –  I Consiglieri comunali di Sant’Alfio hanno rinunciato alle indennità dei gettoni di presenza alle sedute dei Consigli comunali per l’anno 2016, che ammonta ad € 15,75 a seduta. Un esempio virtuoso quello dei consiglieri santalfiesi che ancora una volta si distinguono, mostrando sensibilità e rispetto del mandato elettorale ricevuto nel 2013 dai concittadini.

La rinuncia personale al compenso ha permesso la creazione di due capitoli di bilancio: uno per i consiglieri di maggioranza, che finanzia l’autogestione del Consiglio comunale e l’altro per la minoranza che precede la devoluzione di somme a favore delle famiglie con disagi economici e famiglie con la presenza di soggetti disabili.

In particolare, i consiglieri comunali del gruppo “Sì…Amo Sant’Alfio” come avvenuto negli anni precedenti hanno devoluto i propri gettoni di presenza delle adunanze del Civico consesso del 2016 per la realizzazione di servizi offerti ai cittadini Santalfiesi. Il gruppo di maggioranza ha destinato i proventi per la sistemazione del bagno sito nell’androne del palazzo municipale; per la sostituzione di una vetrata di accesso al Municipio e per l’acquisto di una tabella stradale, con l’indicazione Sant’Alfio, da collocare lungo la SP 5/1 all’altezza di Fornazzo per un importo totale pari a € 1440. Mentre i consiglieri comunali del gruppo “Movimento Santalfiese” hanno devoluto i propri gettoni, di un importo pari ad € 650, per l’integrazione lavorativa di cittadini con grave disagio economico, attingendo alla graduatoria del servizio civico anno 2017, integrando così il numero di posti disponibili messi a disposizione dal bilancio comunale.

Il capogruppo di maggioranza Maria Coco, spiega: “con tali rinunce, alcuni capitoli riguardanti il settore turistico ed i servizi ai cittadini hanno potuto beneficiare di un incremento di fondi. Questa iniziativa, condivisa da tutto il Consiglio comunale nel 2013, dimostra la volontà dei consiglieri di tutelare le casse dell’Ente e di creare un aiuto concreto, ai cittadini e alla realizzazione di servizi ad essi offerti, i quali, senza queste personali rinunce, difficilmente potevano essere realizzate, considerate le difficoltà di spesa delle pubbliche amministrazioni. Dal 2013 ad oggi, i fondi hanno realizzato quattro importanti progetti: la creazione del monumento ai piedi del Castagno contenente la motivazione UNESCO (2013); l’adesione all’Associazione Città delle ciliegie (2014; il contributo ad un cantautore etneo per un videoclip impiantato su Sant’Alfio e la realizzazione di due rampe per disabili nelle piazze del Centro Storico”.

Mario Pafumi

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi