CATANIA – Doppia anima di giudice e scrittore, Santino Mirabella sarà il protagonista dell’evento letterario e musicale che si svolgerà il 5 luglio 2014 alle ore 21,00 en plein air presso il Palazzo Platamone, nella Corte intitolata a Mariella Lo Giudice. La serata, programmata nell’ambito dell’Estate catanese, è stata realizzata in collaborazione dal Comune di Catania e dal Teatro Stabile di Catania.
Poeta, narratore, saggista, organizzatore di avvenimenti culturali, Santino Mirabella parlerà del suo recente libro “… e distillando sogni”, dall’eloquente sottotitolo “L’alchimia dei cantautori e la poetica di Stefano Rosso” (AracneEditrice).
Come si legge nelle note in copertina, il volume analizza “i cantautori e l‘alchimia storica e poetica che li creò, o che furono loro ad inventare: dunque la canzone d’Autore italiana e i suoi segreti, i suoi antenati, i suoi eredi”. La lente d’ingrandimento è puntata in particolare sulla parabola umana e artistica di Stefano Rosso, un sognatore di Trastevere che visse per inseguire “il destino, mille donne, due sogni e un po’ di libertà”.
Il saggio del catanese Mirabella ne inquadra il lavoro nell’alveo della canzone d’autore che ha dominato la musica italiana dagli anni 60 in poi. Stefano Rossi, in arte Rosso, fu in effetti cantautore e chitarrista tra i più interessanti emersi dalla RCA italiana negli anni 70, nel 2008 la prematura scomparsa a 59 anni.
La serata al Platamone sarà condotta dal giornalista e critico Nello Pappalardo.
Interverrà Mirella Bufalini Banti che parlerà del cortometraggio realizzo con Rosso nel 1981. Di spicco le esibizioni dal vivo. Apriranno la serie Gesuele Sciacca e Mario Davide Leonardi con “… e allora senti cosa fo” e un brano “a sorpresa” su testo di Santino Mirabella. Lauretta e Paulino (ossia Laura Amich e Paulo Rossi) eseguiranno “i fiori del male”, Gregorio Scuto e Francois Torrisi interpreteranno la famosa “Letto 26” e altri brani. Un’antologia di pezzi che vedrà alla ribalta anche Giovanni Del Grillo e Simone Avincola.
L’omaggio a Stefano Rosso ripercorrerà la traccia del libro in cui, già nella premessa, Mirabella mette a fuoco il fenomeno cantautorale in Italia, in ciò preceduto dalle prefazioni affidate a Claudio Lolli e Franco Battiato, mentre il volume si chiude con interviste a Mario Venuti e Luca Madonia (entrambi ex-Denovo). L’impaginazione di “… e distillando sogni” vanta ancora interventi di Mimma Nocelli e Paolo Capizzi, nonché l’intervista a Mirella Bufalini Banti,regista ed attrice del citato corto realizzato per promuovere l’interessante Lp “Vado, prendo l’America… e torno!”. Mirabella esamina certosinamente la produzione di Rosso: una ricognizione puntuale che permette di ricostruirne l’opera, ben oltre le hit “Letto 26” e “Una storia disonesta”, grandi successi seconda metà degli anni 70.
Santino Mirabella continua così proficuamente a conciliare l’azione di magistrato con un impegno culturale a tutto tondo. Ricordiamo che nel 2012, nel corso della VI Edizione del Premio ‘Città di San Giorgio a Cremano’, gli è stata consegnata l’onorificenza della Medaglia del Presidente della Repubblica. Mirabella è altresì Presidente della Associazione Culturale ‘Efesto’, con sede in Catania, organizzatrice del Premio Letterario ‘Efesto – Edo Gari” (dedicato all’insigne magistrato), per il quale nel 2013 ha ricevuto nuovamente l’onorificenza della Medaglia del Presidente della Repubblica.

Scrivi