Il presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso: «Siamo molto soddisfatti e devo fare i complimenti all’organizzazione per questa edizione da annoverare tra le migliori».

 

ACIREALE – Ultima giornata di gare al PalaVolcan di Acireale per i Campionati Assoluti di Scherma “Carta Sì”. Protagoniste le squadre di fioretto e spada maschile (serie A1), della sciabola femminile (serie A1), gli atleti della prima edizione dei Campionati Italiani per non vedenti e i paralimpici delle categorie A e B della sciabola maschile e femminile.

Nel fioretto maschile a squadre la vittoria va al Centro Sportivo Carabinieri (Cassarà, Barrera, Simoncelli e Biondo) che batte 45-33 la squadra campione in carica delle Fiamme Oro (Luperi, Del Macchia, Lari e Vanni).

Fioretto

Nella spada maschile vincono le Fiamme Oro, con il beniamino di casa Marco Fichera, Martinelli, Ranieri e Santarelli, che superano 41-40 la squadra dell’Aeronautica Militare (Pizzo, Bino, Carozzo e Vallosio).

“Sono davvero felice per questo successo che arriva dopo un po’ di delusione per la prova individuale – dichiara soddisfatto Marco Fichera – ci tenevo molto a far bene davanti al pubblico di casa che ringrazio per il sostegno e al quale dedico la vittoria. Acireale ha dimostrato di amare la scherma e questi quattro giorni di campionati sicuramente lasceranno il segno”.

spada

Nella sciabola femminile sul gradino più alto del podio le Fiamme Gialle (Gulotta, Vecchi, Sinigaglia e Petraglia) che si impone 45-44 al termine di una tiratissima finale sulla squadra dell’Aeronautica Militare (Fondi, Lucchino, Bianco e Buccione). Doppio successo, così, per Irene Vecchi (già campionessa nella sciabola individuale), una vittoria che arriva grazie anche al prezioso contributo della siciliana Loreta Gulotta.

 sciabola femminile Fiamme Gialle

Ai piedi del podio per la spada maschile a squadre si piazza il CUS Catania che chiude per il secondo anno consecutivo al quarto posto. Molto soddisfacente la prestazione dei quattro spadisti (Mazzone, Lucenti, Scamarda e Sinatra) che si piegano solo in semifinale contro la squadra dell’Aeronautica Militare (39-45). Bene anche il Club Scherma Acireale che si conferma in serie A1.

Per i paralimpici assegnati oggi tre titoli. Nella sciabola maschile categoria A trionfa Alberto Andrea Pellegrini dell’Accademia Romana Scherma, mentre nella categoria B si laurea campione Alessio Sarri delle Fiamme Oro, già vincitore ieri nel fioretto categoria B.

Nella sciabola femminile categoria A-B ad imporsi è la siracusana Loredana Trigilia dell’Associazione Sportiva Gaudini Roma, che così bissa il successo di ieri quando aveva vinto il titolo italiano di fioretto femminile (cat. A).

Nella prima edizione dei Campionati Italiani per non vedenti a trionfare nella spada maschile è Roberto Realdini della Scherma San Lazzaro che ha la meglio su Antonio Carnazza (Conad Scherma Modica) per 10-7, mentre nella spada femminile vince il titolo Simonetta Pizzuti dell’Associazione Sportiva Gaudini Roma che supera 10-8 Ilaria Granata (Cds Lodetti).

La manifestazione, che ha riportato in Sicilia il meglio della scherma italiana a distanza di tre anni dai Mondiali di Catania 2011, è stata organizzata dal Club Scherma Acireale, con il patrocinio del Comune di Acireale, del Coni e della Federazione Italiana Scherma, ed ha visto protagonista, quale Title Sponsor, CartaSi che, per la prima volta, si è affacciata sul panorama della scherma azzurra.

“Siamo molto soddisfatti e devo fare i complimenti all’organizzazione per questa edizione dei Campionati Italiani Assoluti, sicuramente da annoverare tra le migliori – ha sottolineato il presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso-. Il 100% dei grandi campioni che esprimono il meglio della scherma italiana sono stati presenti qui ad Acireale e questo testimonia in maniera forte e autentica l’attaccamento ai colori sociali e ai valori di un campionato assoluto. Il pubblico – conclude il presidente Scarso – è stato un valore aggiunto di questi campionati perché ha seguito con entusiasmo e con educazione tutte le sfide ”.

Felice per i riscontri positivi ricevuti anche il presidente del Comitato Organizzatore, Sebastiano Manzoni: “Ci siamo superati, il bilancio è infatti positivo sotto tutti i punti di vista: come risultati e come ricaduta sul territorio per gli investimenti fatti. Tutti sono rimasti contenti per l’accoglienza e l’organizzazione; speriamo di riportare presto la grande scherma ad Acireale”.

5.000 le persone che hanno gremito il PalaVolcan nei quattro giorni di gare. Assegnati 29 titoli tra cui 15 paralimpici e 2 non vedenti. 24 pedane di gara allestite (14 olimpiche, 6 paralimpiche e 4 per non vedenti). 103 volontari. Oltre 10 ore di diretta televisiva su Rai Sport.

Scrivi