CATANIA- Presenti anche la presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti e l’assessore Orazio Licandro. Il progetto “Art snapshots of the past and present” propone una visione dell’Arte attraverso foto del passato e del presente
Il sindaco di Catania Enzo Bianco, con la presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti e l’assessore Orazio Licandro, ha incontrato nella Sala del Consiglio comunale di Palazzo degli elefanti i rappresentanti delle scuole di nove nazioni europee, oltre l’Italia, che partecipano al progetto Comenius “Art snapshots of the past and present” vale a dire l’Arte vista attraverso foto del passato e del presente.
COMENIUS 2Bianco ha dato il benvenuto a studenti e docenti – provenienti da Repubblica Ceca, Turchia, Grecia, Portogallo, Spagna, Ungheria, Romania, Estonia, Polonia e dall’Italia, rappresentata dall’Istituto comprensivo Agatino Malerba – in inglese e in francese.
“Catania – ha detto il Sindaco – ha nel suo stesso patrimonio genetico la cultura dell’accoglienza e dello scambio culturale con altri Paesi e il futuro dell’Europa è legato a una scelta coraggiosa: difendere l’identità nazionale ma nello stesso momento guardare a un’Europa unita in uno stato federale”.
Bianco ha anche sottolineato l’importanza dei presìdi scolastici nella difesa dell’identità e nella diffusione della cultura, sottolineando come l’istituto Malerba operi “in un quartiere delicato e difficile dove la scuola rappresenta un importante fattore di aggregazione sociale”.
Dal canto suo la preside dell’istituto, Agata Pappalardo, ha ricordato come Il progetto Comenius coinvolga “docenti e alunni in uno scambio culturale e linguistico di grande valore per la conoscenza, il recupero e il confronto fra tradizioni del passato e il presente”. E Maria Grazia Di Mauro, coordinatrice delprogetto, ha posto l’accento “sull’importanza dello studio delle lingue strumento indispensabile per avvicinare culture diverse in una Europa sempre più unita”.
Anche l’assessore ai Saperi e alla Bellezza Condivisa Orazio Licandro ha parlato della scuola come un’istituzione fondamentale in questo momento di crisi non solo economica ma anche di valori, perché “rappresenta un argine alla degrado morale e sociale”. Licandro ha poi parlato del progetto, definendolo “un modo intelligente di utilizzare le arti visive come filo che lega la passata generazione alla presente”.
L’assessore Licandro e la presidente Raciti hanno poi spiegato agli studenti il funzionamento dell’Amministrazione e del Consiglio comunale.
“L’Assemblea cittadina ha – sottolineato Francesca Raciti – è il cuore pulsante della vita di una città, dove vengono ogni giorno prese decisioni importanti per la vita dei cittadini. Sono onorata del difficile compito che mi è stato affidato e orgogliosa di essere la prima donna a ricoprire a Catania questo importante ruolo istituzionale”.

Scrivi