TRAPANI – Un pareggio che sa di beffa quello dei granata di Serse Cosmi, riacciuffati dalla Virtus Lanciano a 10′ dal termine con Lanini. Il Trapani era passato meritatamente in vantaggio nel primo tempo, al 38′, grazie al colpo di testa del difensore Gennaro Scognamiglio che festeggia al meglio il suo onomastico. Prestazione importante contro un avversario tutt’altro che semplice da affrontare. Gli abruzzesi, allenati in panchina dal bravo D’Aversa, mettono infatti più volte paura alla retroguardia trapanese, in particolar modo proprio con Lanini, subentrato dalla panchina nella ripresa. Si confermano particolarmente in palla il portiere Nicolas, bravissimo soprattutto su Aquilanti, nel primo tempo, e su  Crecco allo scadere della ripresa, il centrocampista Coronado, funambolo inarrestabile e utilissimo in zona offensiva, oltre a Torregrossa, oggi fermato più volte da Aridità, che ha difeso ottimamente i pali del Lanciano. Gli schemi su palla inattiva si confermano un’arma importante da utilizzare per vincere le partite. Oltre al colpo di testa di Scognamiglio, infatti, anche per Fazio una grande occasione per segnare.

L’incapacità di chiudere il confronto è la grande pecca della partita del Trapani, che del Provinciale ha sempre fatto un fortino inespugnabile. Siciliani che dovranno sempre dar battaglia e cercare di sbagliare il meno possibile. Grande intensità e grinta dovranno essere accompagnati da fortuna e cinismo. A Como, martedì sera, ancora una possibilità per tornare a vincere in trasferta. La matricola lombarda questo pomeriggio ha trovato un pareggio rocambolesco contro il Vicenza di Pasquale Marino, nel segno del carattere e dell’orgoglio, oltre che di una formazione forte e competitiva.

TRAPANI‬: Nicolas, Fazio, Perticone (25’st Pagliarulo), Scognamiglio, Rizzato, Ciaramitaro, Cavagna (36’st Eramo), Barillà, Coronado, Montalto (20’st Sodinha), Torregrossa. A disposizione: Fulignati, Basso, Citro, Sparacello, Raffaello, Pastore. All. Serse Cosmi
‪LANCIANO‬: Aridità, Aquilanti, Mammarella, Pucino, Amenta, Piccolo (39’st Crecco), Di Francesco (14’st Lanini), Ferrari, Paghera (22’st Bacinovic), Ze Eduardo, Di Cecco. A disposizione: Casadei, De Silvestro, Di Filippo, Rigione, Vastola, Padovan. All. Roberto D’Aversa
‪ARBITRO‬: Federico La Penna di Roma 1; ASSISTENTI: Alessio Tolfo di Pordenone e Pasquale Cangiano di Napoli; QUARTO UOMO: Salvatore Guarino di Caltanissetta
‪RETI‬: Scognamiglio 38’, Lanini 35’st
‪NOTE‬: Ammoniti Coronado, Perticone, Cavagna nel Trapani – Paghera nel Lanciano

Scrivi