di Maria Morelli

“ViteVino”, la manifestazione interamente dedicata ai vini siciliani e presentata nella sede palermitana di Banca Nuova si terrà dal 16 al 18 aprile, a Taormina. Nell’Atlantis Bay di Mazzarò, la kermesse, giorno 16, farà conoscere il meglio della produzione vinicola dell’isola a circa cento giornalisti internazionali, mentre il 17 e il 18 aprile, saranno degustate le produzioni 2014 in anteprima e i vini attualmente in commercio, con la presenza di circa 40 aziende e più di 600 etichette. Organizzata da Assovini, in collaborazione con Banca Nuova, main sponsor della kermesse itinerante, l’edizione 2015 coinvolgerà tutte le aree vitivinicole dell’isola e mostrerà grande attenzione nei confronti della sostenibilità e della biodiversità. “La nostra associazione – afferma il presidente di Assovini, Francesco Ferreri – conta in Sicilia circa 70 soci e produce più dell’80% del vino imbottigliato nella regione. Il nostro obiettivo è quello di presentare al mondo un’immagine dell’enologia siciliana unitaria e qualitativa, anche sotto il profilo ambientale, ecco perché guardiamo allo sviluppo di una viticoltura sempre più green, che salvaguardi la biodiversità in ogni fase della produzione”. Secondo le indagini svolte da Assovini, infatti, circa il 61% delle aziende socie possiede le certificazioni ambientali ed il 39% produce vini da uve biologiche.

“Anche quest’anno la nostra banca sarà al fianco di questa importante manifestazione – commenta Marino Breganze, presidente di Banca Nuova – poiché vogliamo fornire alle aziende del settore un’assistenza finanziaria di alta qualità, mirata soprattutto al supporto nei processi di export e di internazionalizzazione. Il nostro gruppo bancario mette a disposizione delle aziende che vogliono esplorare i mercati esteri cinque uffici di rappresentanza, così da fornire la migliore assistenza nella ricerca di contatti e partner commerciali”. Durante la presentazione di questa mattina è stato ricordato come le esportazioni siano per il settore una vera e propria “ancora di salvezza, che permette – ha detto l’assessore regionale al turismo  Cleo Li Calzi – di far conoscere la nostra terra in tutto il mondo, anche e soprattutto dal punto di vista culturale”. I soci di Assovini Sicilia sono oggi presenti in oltre 60 Paesi, con un export pari al 59% dei circa 250 milioni di fatturato complessivamente fatturato. Nel 2013, sempre secondo Assovini Sicilia, sono state imbottigliate circa 16 milioni di bottiglie, mentre 21 milioni nel 2014.

Maria Morelli

Scrivi