Il Ministro degli Affari Esteri Paolo Gentiloni, molto opportunamente, ha riaperto i termini  per la presentazione  delle liste candidate al rinnovo dei Comites  nelle 24 Circoscrizioni dove non ne erano state  presentate in tempo utile  per la data del 19 dicembre.

Per votare è necessario  registrarsi entro il 18 marzo 2015, inviando una e-mail, un fax o una lettera cartacea  al proprio Consolato di riferimento, allegando anche la copia del documento di identità.

La riapertura dei termini è assolutamente preziosa perché consente ai connazionali di potere partecipare, con tutta tranquillità, alla competizione elettorale che garantisce loro il diritto di scegliere i propri rappresentanti nell’insostituibile ruolo dei Comites.

Doveroso  il massimo impegno per aprire una campagna vera e propria di informazione, ricerca e convincimento nei confronti dei soci e della comunità italiana.

Dopo il rinvio del 19 dicembre, sarebbe stato opportuno ma anche logico domandarsi del perché solo il 2% degli aventi diritto aveva scelto  di votare.

Certamente il Governo ed il Parlamento, e quindi il Paese,  attraversano un momento difficile per la coincidenza di importanti adempimenti istituzionali  di prima grandezza, aggravati dai sopravvenuti inquietanti eventi internazionali dei nostri giorni, ponendo in seconda fila altri provvedimenti nonostante la loro importanza.

Si può fare ancora tramite l’impegno delle Associazioni nei confronti dei soci e dei connazionali con quella eroica supplenza alle distrazioni istituzionali, divenuta epopea della presenza italiana nel mondo.

Mimmo Azzia

presidente Sicilia Mondo

Scrivi