Al castello normanno di Motta S.A.

effatàNino Smith continua il suo viaggio. Il protagonista del romanzo di Simona Lo Iacono “Effatà”, edito da Cavallo di ferro e già vincitore del Premio Martoglio 2013 per la letteratura, approderà alla rassegna “Stasera libro – incontro con l’autore”, che si terrà mercoledì 9 aprile alle 18 al castello normanno di Motta Sant’Anastasia.

L’evento è promosso dall’assessorato comunale alla Cultura, con la collaborazione della sezione Fidapa e dell’Istituto comprensivo statale D’Annunzio di Motta, dalla sezione provinciale dell’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e dall’Istituto Superiore Rapisardi – Liceo Classico di Paternò.

Nel corso dell’incontro con la scrittrice e magistrato siracusana sarà proiettato il video sulla Shoah realizzato dagli studenti di 5ª B del liceo paternese, coordinati dalla professoressa Angela Rita Pistorio, e sarà letto il racconto di Sofia Uccellatore, della stessa scuola, ispirato a “Effatà”.

Entrambi i contributi sono stati premiati all’interno del progetto “Leggere per ricordare” un laboratorio integrato di letteratura e teatro conclusosi il 27 gennaio scorso, Giorno della Memoria, e che ha coinvolto centinaia di studenti delle province di Catania e Siracusa.

Il percorso didattico è stato organizzato dalla scrittrice per sensibilizzare sul tema dell’Olocausto e della persecuzione del popolo ebraico; la storia che narra “Effatà” è infatti quella di due bimbi sordomuti, uno dei quali realmente vissuto e ultima vittima dei programmi di eugenetica voluti dal führer.

“Colpa e redenzione rappresentano il cuore del romanzo” spiega Simona Lo Iacono, due facce della stessa medaglia che scorreranno parallelamente per tutta la durata del libro fino ad incrociarsi fittamente nel finale a sorpresa.

All’incontro presenzieranno il sindaco del comune etneo, Angelo Giuffrida, e l’assessore alla Cultura Antonella Santagati, inoltre brani del testo saranno interpretati dall’attore mottese Pasquale Platania e da Noemi Finocchiaro.

Interverranno le professoresse Agata Caruso ed Ivana Zuccarello.

Scrivi