di Elisa Guccione

SIRACUSA- “L’arte come irripetibile ed unico contatto umano”. È il leit motif della mostra- evento “IncontrArte”, visitabile fino al sette gennaio 2015 ed allestita nei locali dell’ex convento del Ritiro a Siracusa, nata con il preciso intento di stimolare nel visitatore un crescendo di emozioni. Trasparenze-olio-140x100trefilettiUna particolare collettiva d’arte, patrocinata dal Comune di Siracusa con il supporto di Banca Mediolanum, della pasticceria Girlando e della corniceria “Cornici e più”, che spazia tra scultura e pittura in cui è possibile dialogare e vivere le sensazioni trasmesse dall’opera con gli stessi Maestri d’Arte che espongono.

Hanno deciso di esporre le proprie “creature”, come amano definirli gli stessi protagonisti, i più quotati pittori del siracusano come la pittrice e scultrice Adele Caruso di Solarino, organizzatrice ed ideatrice dell’evento, i pittori Paolo Carnemolla e Salvatore Zito di Siracusa, Giovanna Trefiletti di Avola e Federica Mangiafico di Floridia.kairòs

Il critico d’arte Raimondo Raimondi, durante la cerimonia conclusiva dell’evento, traccerà un breve profilo critico delle opere presentate. L’ambizioso progetto artistico è stato arricchito anche da numerosi incontri culturali.

Stasera, ore 18.00, Liliana Nigro, docente dell’Accademia di Belle Arti di Catania, insieme a Giovanni Parentignoti animerà l’interessante incontro sul tema “I colori, a volte intensi”, Tre Figure - olio su tela-Paolo Carnemollamentre il tre gennaio Salvo Zito spiegherà cosa significhi “Fotogradia futuribile – attualità e ipotesi”.

Elisa Guccione

 

Scrivi