SIRACUSA – La lapide commemorativa dedicata a Mario Francese, il cronista siracusano ucciso da Cosa nostra il 26 gennaio del 1979, e danneggiata in largo Leonardo da Vinci, è stata prelevata da operai incaricati dal Comune per essere riparata.

Il sindaco, Giancarlo Garozzo, ha voluto che si intervenisse subito “per cancellare – dichiara – rapidamente un gesto inqualificabile, che va condannato in maniera ferma, a prescindere da chi lo abbia commesso. Mi auguro che si faccia presto chiarezza sull’accaduto”.

La lapide, appena restaurata, sarà collocata nello stesso sito. “Mario Francese – prosegue il sindaco Garozzo – era un siracusano coraggioso che ha dato lustro alla città. Egli ha pagato con la vita l’attaccamento alla professione e la ricerca della verità pubblicando inchieste sugli affari illeciti di Cosa nostra. Un esempio per tutti, che merita di essere ricordato sempre in maniera degna”.

 

 

 

Scrivi