SIRACUSA − “Dolore, cordoglio e indignazione”. La Cisl Sicilia si stringe alle famiglie dei due giovani operai (33 e 37 anni) della ditta Xifonia morti ieri nel Siracusano a seguito di un incidente sul lavoro nel polo petrolchimico di Priolo Gargallo.
 “Due giovani vite stroncate, è intollerabile”, scrive il sindacato guidato in Sicilia da Mimmo Milazzo, denunciando, in una nota, i “ritardi cronici in tema di controlli per la sicurezza dei lavoratori”.
“Questo rosario non può continuare all’infinito”, afferma, invocando “più investimenti, più controlli, più prevenzione e più formazione in tema di sicurezza di chi va a lavorare per campare la famiglia”.
Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli, per il quale “quanto accaduto è inaccettabile, non si può andare a lavorare ogni mattina senza sapere se si tornerà a casa. È assurdo morire di lavoro, bisogna accertare subito i fatti e intensificare i controlli e la prevenzione”.
Per oggi, 10 settembre, il sindacato unitario ha indetto uno sciopero generale di otto ore in tutta la zona industriale aretusea, dando appuntamento alle 6,30 davanti alla portineria centrale del polo petrolchimico. I segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Paolo Zappulla, Paolo Sanzaro e Stefano Munafò, accorsi sul luogo della tragedia insieme ai responsabili del settore industria dei tre sindacati, hanno chiesto alla magistratura di accertare sollecitamente l’esatta dinamica di quanto accaduto. E al prefetto Armando Gradone, la ‘convocazione urgente’ di un tavolo di emergenza per la sicurezza, alla presenza di tutte le aziende committenti del polo industriale.
L’incidente è avvenuto all’interno dell’impianto Versalis, azienda del gruppo Eni e si è verificato mentre i due stavano svolgendo lavori di manutenzione nell’impianto di etilene. I due sarebbero stati investiti da vapori di idrocarburi. Dopo l’esalazione, il primo sarebbe caduto all’interno di un pozzetto, l’altro si sarebbe calato nel vano tentativo di salvare il compagno di lavoro.

 

Scrivi