Sono oltre 2600 i migranti soccorsi dai mezzi interforze impiegati nel dispositivo “Mare Nostrum” durante questo fine settimana nelle acque dello Stretto di Sicilia.

Di seguito i dati riepilogativi degli interventi/sbarchi.

Sabato 5 luglio: L’elicottero della fregata Grecale della marina militare ha avvistato un barcone in difficoltà e nella notte sono stati recuperati 261 migranti di cui 226 uomini, 23 donne (4 incinte) e 12 minori successivamente trasbordati sulla corvetta Chimera che li ha sbarcati a Catania ieri sera. I migranti recuperati sono provenienti principalmente dall’Eritrea, Zaire, Sudan e Algeria.

Domenica 6 luglio: La corvetta Fenice ha recuperato circa 447 migranti tra cui una donna, in travaglio, al 9° mese di gravidanza. E’ stato necessario trasportarla a mezzo elicottero, insieme al suo nucleo familiare, sulla rifornitrice Etna della marina militare; la rifornitrice Etna ha effettuato il recupero di  circa 880 migranti individuati su 4 imbarcazioni; la corvetta Vega  ha recuperato 230 migranti (141 uomini, 44 donne e 45 minori) trasbordati successivamente sul M/V Cindia (battente bandiera Antigua e Barbuda) che li sbarcherà oggi nel porto di Pozzallo.

Lunedi 7 luglio: la corvetta Fenice con a bordo già circa 447 migranti, ha recuperato altri 161 migranti (di cui 6 minori) e dirige verso il porto di Trapani; la M/V CP 906 ha recuperato 122 migranti e dirige verso il porto di Trapani; la rifornitrice Etna con a bordo già circa 880 migranti sta recuperando altri 200 migranti; la M/V CP 319 ha intercettato un’imbarcazione, all’imboccatura del porto di Lampedusa, con circa 354 migranti. Iniziate le operazioni di soccorso.

Fonte: www.difesaonline.it

Scrivi