Catania, Ma – Musica Arte, venerdì 27 febbraio 2015, dalle h. 22. Nuovo appuntamento del venerdì sera con il live dei Colorindaco, la mostra di Davide Guglielmino e i sapori siculo-giapponesi di Carlo Borghini

Fun Or Nothing, divertimento o niente, è sinonimo di venerdì a Catania e tutto questo accade ogni settimana al Ma Musica Arte, il club di via Vela. E il gruppo organizzativo di Fun Or Nothing ama sempre esagerare e spingersi oltre, per distinguersi e rendere unici i “venerdì” che propongono. Ed ecco che venerdì 27 febbraio, anche per questa serata targata Fun Or Nothing lo spettacolo sarà garantito.
Si comincia in teatro con il live dei Colorindaco, uno dei gruppi live più amati della scena siciliana. La serata proseguirà col ballo. Nelle diverse zone del locale, ci sarà il dj set a cura dei resident dj: nel foyer suoneranno i dj’s Fabio Cocuzza, Fabrizio Serio, e Marco Zappalà, videomapping di Vjkar; la Graffiti Station ormai diventata la “Cina House” ospiterà le selezioni musicali di Antonio Oliva e Fernando Gioieni, percussioni di Marco Selvaggio, voce Margherita Dagui.
Colorindaco. Mario Indaco, Gianluca Indaco. Valentina Indaco: il trio nasce nel 2001 dall’intuizione di Mario che insieme ai fratelli Gianluca e Valentina, decide di unire le visioni di ognuno, concretizzando un trio acustico che rivisita con raffinatezza e lo spirito del caso, i più grandi classici del panorama musicale internazionale degli Anni 50, 60 e 70. L’originalità di Mario alla chitarra solista e la maestria di Gianluca alla chitarra ritmica, rendono perfettamente l’idea di quello che una buona formazione acustica dovrebbe sempre essere in grado di offrire: suoni puliti, precisione tecnica e una carica decisamente fuori dall’ordinario. La voce di Valentina dotata di un ottima estensione e di una timbrica limpida, rende giustizia alle grandi “voci” femminili intramontabili come Janis Joplin, Etta James e Aretha Francklin, Mina e grazie ai suoi toni caldi e sensuali riesce a coinvolgere il pubblico creando atmosfere eteree e ipnotizzanti.
Ristorante. Ai sapori e profumi di una cucina siciliana, ricercata e prestigiosa, affidata allo chef Carlo Borghini, si aggiungono le innovazioni culinarie del momento: il Sushi e lo Street Food.
Arte. Per il settore arte a cura di Francesco Russo, testo critico di Simona Di Bella, si potrà visitare fino al 28 febbraio la mostra fotografica “Siamo figli delle stelle e non guardiamo l’orizzonte” dell’Instangramer Davide Guglielmino. La mostra si potrà visitare ogni giorno, escluso il lunedì, dalle 20 alle 24.

Scrivi