L’allegra e trasgressiva musica de Le Papole al “MAP.015”, all’interno del Dock7 (ex Tirrenia), in via dell’Arsenale 7 sabato 27 dicembre alle 22. Project by Il Ricovero, Palab, Officina Di Dio, Jackass, Robertone e Mario Caminita

Allegri, divertenti, trasgressivi, sopra le righe e soprattutto imprevedibili.  Le Papole, ovvero il quintetto formato da Alessandro Torcivia (voce), Fabio Alessi (chitarra acustiche-elettriche e cori), Manfredi Tumminello (chitarre acustiche-elettriche e cori), Marco D’Arpa (basso elettrico e cori) ed Emanuele Rinella (batteria).

Il progetto Papole prende forma dalle idee iniziali dei due fondatori Alessandro Torcivia (voce) e Marco D’Arpa (basso) dopo anni di ricerca del giusto equilibrio tra l’esigenza di una band stabile e affiatata, e la possibilità di procedere in modo uniforme e continuo nella direzione della crescita, della produzione di nuovi brani e di testi. Si è successivamente unito Fabio Alessi (chitarra e irrinunciabile autore), e in seguito Emanuele Rinella (batteria) e Manfredi Tumminello (chitarra e voce). Nessuno degli elementi componenti la band è “solo” un musicista. Tutti recitano sul palco in un esperimento oggi ben riuscito: una band senza frontman, o almeno senza un solo frontman (oltre al cantante) in cui ognuno ha un ruolo di primo piano quando giunge il momento; quella de Le Papole si può definire una frontband. Tutti inoltre contribuiscono alla crescita del repertorio in modo perfettamente coerente rispetto alle intenzioni iniziali dei fondatori, e la presenza di ciascuno è divenuta, ad oggi, irrinunciabile. All’attivo Le Papole hanno un cd intitolato “Cazzilla”.

“Cazzilla” è un progetto costituito da una selezione di brani musicali tratti dal repertorio inedito della band, e brevi poesie d’amore accompagnate, queste, solo da una chitarra.
Più nel dettaglio, il progetto è costituito da quattro brani musicali di genere diverso, un crossover che mescola vari stili musicali, dal classico rock, al mediterraneo, passando dal funk, facendo a tratti il verso al peggiore neomelodico. E’ contenuta anche nel cd una traccia 80’s remix dance del brano che dà il titolo all’album, realizzato da Mario Caminita, noto dj e produttore musicale siciliano. I brevi recitativi accompagnati dalla chitarra, descrivono, in maniera surreale tristi e disillusi quadretti dell’amore nella quotidianità.
Fa eccezione il brano “Cazzilla”, che tratta, sì, di Amore, ma un amore particolare: quello per gli antichi mestieri agroalimentari palermitani, che oggi tutti vogliono definire (fighetti!) “street food”; ma che noi da sempre amiamo e conosciamo con soavi nomi come “panellaro”, “mevusaro”, etc. etc. Il brano è preceduto da un “cunto” introduttivo “abbanniato” dal cantautore siciliano Mario Incudine.
Dopo due minuti di silenzio, in coda al decimo brano, la ghost track è “Innamorarsi a dodici anni (a livello che ti amo, và)”, uno dei brani del disco, cantato in cinese tradizionale (mandarino). Il motivo di questa scelta linguistica risulta a tutt’oggi inspiegabile, perfino agli autori del gesto.

Il calendario di “MAP 015” continuerà anche nei giorni successivi.
Il 28 dicembre il giornalista e scrittore Pippo Montedoro sarà il mattatore di “POESIAinMUSICA”, ovvero letture tra arte e realtà. Ospiti: Salvo Piparo e Stefania Blandeburgo , Marco Pomar e Giuditta Perriera, con la musica della Bottega Retrò e degli HalfChicken.

Il 29 dicembre c’è Rockristmas, i migliori musicisti e interpreti palermitani si alterneranno sul palco cantando brani natalizi in chiave rock. In scaletta, fra gli altri, i Tre Terzi, Chiara Minaldi, Alessandra Salerno, Antonio Putzu, treephase band, Alex and the black cats, Irish Quartet, Jack & the Starlighters.

Il 30 dicembre largo ai giovani, con i musicisti provenienti dal “Cast Gattuso”. ad alternarsi sul palco in una sorta di jam session tra allievi di una delle più prolifiche scuola di musica di Palermo.

Il 31 dicembre dalle 21 sarà MAP.015ilCAPODANNO, festa di fine e inizio anno con il concerto dei Tre Terzi e il dj set by Mario Caminita.

Tutti gli appuntamenti, tranne il Capodanno, sono gratuiti a ingresso su invito. Per la notte del 31 dicembre, con entrata a invito, è possibile scegliere tra due pacchetti di prenotazione. Dalle 20,30, con cena streetfood a cura dei Panifici Graziano, 3 consumazione, concerto e djset (con area bimbi disponibile). Dalle 23,30 con 2 consumazioni, concerto e djset. Per informazioni telefonare a 393 425 1030 oppure 328 484 4452.

Scrivi