Domenica 25 maggio ritorna liniziativa di Legambiente per la pulizia e la tutela del mare

     di Salvo Reitano

Ritorna, puntuale, l’iniziativa di Legambiente per la pulizia e la tutela delle coste e del mare nella riserva naturale “Oasi del Simeto”. I volontari di Legambiente e i cittadini, domenica 25 maggio, si concentreranno in uno dei tratti costieri di maggiore interesse naturalistico dell’area protetta, quello situato a sud della foce del lago Gornalunga, dove si trovano la porzioni meglio conservate dell’originario sistema di dune colonizzate dalla vegetazione naturale, che un tempo bordavano tutto il litorale sabbioso del Golfo di Catania.  La partecipazione è aperta a tutti e a ciascuno verrà fornito l’occorrente per effettuare la pulizia.

L’appuntamento è fissato a Catania alle ore 9:00, in Piazza Michelangelo. Ulteriori informazioni su come raggiungere il luogo dell’attività di pulizia sul sito di Legambiente Catania: www.legambientecatania.it
Lo scorso anno, in poche ore, i volontari hanno rimosso una ingente quantità di rifiuti spiaggiati dalle mareggiate e abbandonati sulle dune da frequentatori poco educati e dai proprietari delle costruzioni abusive.
Circa 120 sacchi di dimensioni 70×100 cm sono stati riempiti con rifiuti costituiti essenzialmente da materiale plastico e bottiglie in vetro; sono stati rimossi dalle dune anche rifiuti ingombranti (resti di barche, corde di grandi dimensioni, rifiuti metallici…).
Questo rende l’idea dell’inciviltà e del poco rispetto che una sparuta schiera di cittadini nutre nei confronti delle bellezze paesaggistiche e del territorio.
Ricordiamo che Proprio quest’anno cade nel 30° anniversario dell’istituzione della riserva naturale,  Oasi del Simeto, avvenuta il 14 marzo del 1984, e l’iniziativa rientra tra le priorità di Legambiente Catania, affinché venga finalmente tutelata questa importantissima area naturale protetta.
Per far ciò serve al più presto l’avvio di un serio piano per l’eliminazione delle costruzioni abusive incompatibili con i valori naturali e paesaggistici così come incompatibile è la presenza dei rifiuti abbandonati lungo la battigia, le dune e le zone umide.
Nella mattina di domenica i volontari di Legambiente e i cittadini saranno impegnati nella raccolta dei rifiuti presenti nel litorale sabbioso nella parte meridionale della riserva naturale, uno dei tratti costieri di maggiore interesse naturalistico per la presenza delle ultime dune colonizzate dalla vegetazione naturale.  Come sempre, l’iniziativa di Legambiente Catania, oltre a dare un contributo concreto alla tutela dell’ambiente, alla vivibilità delle coste ed alla conservazione della natura, richiama l’attenzione alla necessità di una profonda pulizia nella riserva naturale, non soltanto dai rifiuti ma anche da tutte quelle problematiche che non consentono la effettiva tutela dell’area protetta.

S.R.

Scrivi