CATANIA – Fare squadra è il modo migliore per vivere lo sport, riconoscendo meriti a chi, nel corso della carriera, si è distinto per talento, forza e tenacia. Con questo spirito il Consorzio Catania Al Vertice, che raggruppa 21 importanti società sportive del capoluogo etneo, ha deciso di istituire il premio “I nostri campioni”, presentato ufficialmente questa mattina (5 dicembre) al Borghetto Europa.

Un riconoscimento pensato per premiare le eccellenze del settore, agevolando un processo di integrazione e condivisione di valori nonché di speranze per il futuro. “I nostri campioni” nasce anche per avvicinare alla comunità i protagonisti di discipline sportive più o meno note, gli sforzi e i sacrifici che spesso si nascondono dietro un grande traguardo e di cui spesso il grande pubblico è ignaro. Ogni sfida – in una gara, come nella vita – necessita infatti di una lunga preparazione e dedizione, la stessa che il Consorzio ha impresso nel corso della sua attività, portando avanti un progetto di crescita culturale e introducendo nel sistema «un nuovo modo di fare politica sportiva», come affermato dal presidente Nello Russo. Un modello virtuoso ed esportabile, ma che necessita di un maggiore sostegno da parte delle autorità politiche «per portare le nostre eccellenze sempre più in alto, sui podi europei e internazionali», ha rimarcato il vicepresidente del Consorzio Daniela Insabella.

Alla cerimonia, presentata da Gino Astorina, che si svolgerà lunedì 8 dicembre alle 17.30 allo Sheraton Catania Hotel, parteciperanno anche il sindaco di Catania Enzo Bianco, l’assessore comunale allo Sport Valentina Scialfa e il vicepresidente Coni Luciano Buonfiglio, oltre a tutte le associazioni di atleti che continuano a rendere onore al capoluogo etneo nel mondo.

Rimettere al centro i giovani, la passione per lo sport e l’amore per questa città sono gli obiettivi del premio “I Nostri Campioni” (i premi sportivi principali verranno annunciati nel corso della cerimonia). Per questa ragione il Consorzio ha deciso di assegnare alcuni riconoscimenti anche a personalità che, in maniera trasversale, si sono distinte nei diversi ambiti. A partire dal grande attore Tuccio Musumeci, ambasciatore della cultura catanese nel mondo, cui andrà il riconoscimento “Ama Catania”. Il giornalista Nunzio Casabianca, vice caposervizio della redazione sportiva del quotidiano La Sicilia, salirà sul palco nel nome di Candido Cannavò, catanese che con la sua penna ha reso grande la massima espressione del giornalismo sportivo italiano, mentre al quotidiano La Sicilia e all’Università Kore di Enna verranno assegnati rispettivamente i riconoscimenti “Azienda per lo Sport” e “Istruzione”. Al segretario generale della Fidal Fabio Pagliara andrà il riconoscimento per “l’Amicizia” e la vicinanza al Consorzio, mentre per restare in ambito sportivo il riconoscimento al “Coraggio”, con il sostegno di Telethon, andrà alla squadra paracanoa polisportiva Canottieri Catania – e nello specifico agli atleti Andrea Biagi e Salvo Ravalli  – mentre quello al “Mare” e alla “Carriera” verranno attribuiti al Commissario dell’Autorità portuale Cosimo Indaco e al campione catanese del rugby Andrea Lo Cicero. Un ricordo speciale sarà infine dedicato a Francesco Scuderi, con la consegna del premio a Peppe Dato, suo amico e allenatore della Nuoto Catania.

Scrivi