Svelato ufficialmente il percorso del Giro d’Italia 2017 (che in parte avevamo già anticipato), in programma dal 5 al 28 maggio. Un’edizione numero 100 che torna in Sicilia e che promette spettacolo nelle tappe dei paesi etnei.
Una notizia bellissima per gli appassionati, che finalmente, a distanza di sei anni, potranno entusiasmarsi seguendo da vicino il Giro d’Italia sull’Etna con una doppia tappa (la quarta e la quinta) che coinvolgerà almeno 18 località alle pendici del vulcano, nel cuore del Parco dell’Etna.
Si inizierà con la Cefalù – Rifugio Sapienza, un percorso di 180 km che metterà a dura prova i corridori, costretti a scalare la dorsale dei Nebrodi attraverso Portella Femmina Morta (km 89.8, 1524 m), attraversare Cesarò, Randazzo, Bronte (con ogni probabilità dalla circonvallazione all’ingresso Sud del paese), Adrano, il versante sudovest e, da Nicolosi, risalire per circa 18 km i pendii etnei fino al Rifugio Sapienza, con arrivo a quota 1892 metri. “Morbidi” i primi 50 km su quote pianeggianti tra Cefalù e Acquedolci, poi un arrivo in salita che promette scintille e che costringerà i big della generale a scoprire immediatamente le carte.
La seconda tappa siciliana Etna – Bronte appare decisamente più rapida perché da Pedara condurrà allo Stretto di Messina, in un percorso da 157 km che avrà come quota massima Fornazzo di Milo, “Villaggio ideale d’Italia 1992” a 824 metri. Un evento che da un lato inorgoglisce gli etnei, ma dall’altro metterà a dura prova gli scalatori delle due ruote.
Mario Pafumi

Nella foto il campione siciliano Vincenzo Nibali.


-- SCARICA IL PDF DI: Sport, Giro d'Italia: dalle Madonie ai Nebrodi tappe per campioni --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata