Di Alice Vaccaro
SS121 (Foto e fonte Video Star)- Violento impatto all’alba di oggi, tra un’auto ed un camion, lungo la strada Statale 121 poco prima dello svincolo d’ingresso per Paternò. Ad avere la peggio, purtroppo, è stato il conducente del mezzo pesante che adesso si trova ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Garibaldi” a Catania. Le sue preoccupanti condizioni di salute hanno spinto inoltre i medici a tenere riservata la prognosi.
Ancora tutta da accertare l’esatta dinamica del sinistro, fatto sta che l’auto, una BMW che procedeva in direzione Adrano con alla guida un uomo di Catania, ha violentemente urtato contro il camion che lo precedeva facendolo girare su se stesso. Il forte impatto (anteriore destro per l’auto e posteriore sinistro per il mezzo pesante) ha causato il taglio netto della lamiera della carrozzeria della BMW, esattamente lungo il lato passeggero dove fortunatamente non vi si trovava nessuno in quanto il conducente viaggiava da solo. Quest’ultimo ha riportato piccole ferite ma lo shock è stato davvero molto. Ad avere la peggio solo il conducente del mezzo pesante il quale ha riportato politraumi ed è stato trasportato in ambulanza prima presso il vicino l’ospedale “Santissimo Salvatore” ed in un secondo momento trasferito nel nosocomio catanese dove versa quindi, sembrerebbe, in serie condizioni di salute.
Sul posto sono giunti i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Paternò per i rilievi del caso.
Diverse le ipotesi relative alle cause dell’incidente, tra queste: la distrazione del conducente della macchina o un improvviso rallentamento del camion. Saranno appunto i rilievi a stabilire l’esatta dinamica dei fatti. Il conducente dell’auto successivamente è stato accompagnato in ospedale da una guardia giurata della “Siciltransport”, intervenuta anche per dirigere il traffico prima dell’arrivo dei Carabinieri; traffico che ha subito forti ed inevitabili rallentamenti con file chilometriche.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi