CATANIA – Si chiuderà giovedì 23 aprile alle 9.30 al palazzo dei Chierici a Catania la seconda edizione di “Start Up Your Business – Un Vulcano di Idee”, la competizione fra tredici progetti imprenditoriali predisposti, dopo un mese di attività in aula, da una cinquantina di studenti del Dipartimento di Economia ed Impresa dell’Università di Catania. Il “Contest Day”, come lo hanno battezzato gli organizzatori (Federica Giangrande, Alessandra Misuraca, Daniele Murgo e Francesco Spampinato), vedrà la presentazione dei progetti Adelina, eBio, Ecotime Capsule, Ecorigami, Enjoy, iHungry, iSuq, Living my city, Ludicamente, Meishi, Payall, Sicily Bio HD e Tapp and Go. La giornata sarà arricchita dall’intervento del prof. Marco Galvagno che parlerà del marketing nelle start up e dalla testimonianza di tre iniziative imprenditoriali innovative di successo: Orange Fiber, Parksmart e Behaviour Labs. Il team che vincerà l’edizione di Start Up Your Business sarà ammesso direttamente alla seconda fase di Start Cup Sicilia in programma dall’estate prossima.
La particolarità di questa iniziativa è che sono stati giovani studenti a pensare, progettare ed organizzare ogni attività d’aula a favore dei propri colleghi che hanno preso parte a Start Up Your Business. Lezioni brevi, attività di team building, progetti individuali e di gruppo nonché testimonianze di altre start up sono stati gli ingredienti di successo di questa iniziativa.
“È un modello di università che ogni studente desidererebbe – sottolinea Daniele Murgo, uno degli organizzatori, reduce da una esperienza di studio Erasmus in Turchia nei mesi scorsi. Imparare dai propri pari,conoscenze ed esperienze che si condividono e si mischiano per un coinvolgimento ed apprendimento assicurato! È stata una esperienza bellissima che mi ha permesso di crescere mettendo a disposizione il mio bagaglio di competenze nell’obiettivo di promuovere sempre più il mondo delle startup, perché fare impresa è possibile e queste attività aiutano a farci vedere la luce che è sempre presente in fondo al tunnel”.
Incalza Alessandra Misuraca, un’altra studentessa eccellente nei risultati scolastici conseguiti e subito coinvolta nell’organizzazione di Start Up Your Business: “Università Capovolta è un progetto che farebbe invidia anche al più rivoluzionario degli Atenei. Sono felicissima di essermi trovata per una volta “dall’altra parte”, insieme ai miei compagni d’avventura e ad un docente che ci ha da sempre incentivati a pensare fuori dagli schemi, anche quelli più radicati. La seconda edizione di Un Vulcano di Idee quest’anno ha fatto l’en-plein dei progetti , 13 su 13 team partecipanti . Sono orgogliosa di aver trasmesso quel pizzico di follia e di saggezza ai miei colleghi che con entusiasmo hanno animato insieme a noi organizzatori l’aula 7 di Palazzo delle Scienze . Noi abbiamo dato a loro e loro hanno dato a noi”.
Dello stesso avviso anche Federica Giangrande, studentessa del terzo anno di Economia Aziendale che lo scorso anno da allieva ha partecipato a tutte le iniziative dipartimentali e di Ateneo sulle start up, aggiudicandosi una premialità pure a Startup weekend. “ Con una didattica unconventional si impara molto ma in modo semplice e pratico. Forse perché a fare da tutor siamo proprio noi studenti che, conoscendo da vicino le esigenze e i “problemi” di oggi, riusciamo a motivare e trasferire energia andando oltre le barriere che, per formalità e differenza di ruoli, possono esserci tra un prof è uno studente. E’ stata un’esperienza formativa e di crescita per noi che ci siamo messi alla prova, con risultati che sembrano essere superiori alle aspettative. Sarebbe bello immaginare l’intera didattica così, perché no un intero corso didattico parallelo al tradizionale, ma ricco di iniziative extracurricolari che, come il nostro di Vulcano di Idee, fanno ritornare la voglia di fare e di cambiare. Dopotutto, chi può riattivare questa realtà se non chi studia finanza e imprenditorialità ?”

 

Saro Faraci

Scrivi