La VII edizione di State aKorti, Festival del cortometraggio comico-umoristico di Viagrande (Villa Di Bella, Via Garibaldi 298), si presenta in una veste nuova che conferma il gemellaggio con il MizzicaFilm (il Festival itinerante per statuto e originale per definizione, dove si vince una stretta di mano) e ne sugella di nuove, proprio come quelle con l’Accademia di Belle Arti di Catania, i Viagrande Studios, il Cineturista.it, il Centro Iqbal Masih e i Briganti di Librino.

La kermesse ha avuto inizio ieri venerdì 1 agosto alle 20:30, con la serata di premiazione del MizzicaFilm, durante la quale, i giurati (Nino Genovese, Miriam Letizia Visalli, Giuseppe Tumino e Dario Riggio) hanno svelato i vincitori della sezione cortometraggio e della sezione videoclip. Durante la serata è stato ospite l’attore Domenico Centamore. inoltre, si è tenuto il Cineturista Viral Contest ed è stata inaugurata la mostra, curata da Sebastiano Gesù, «Cantami o Diva…» dedicata alle donne del cinema muto.

Oggi sabato 2 agosto, invece, la giornata centrale con State aKorti. Il programma comincia con una Tavola rotonda dedicata alla presentazione del nuovo progetto promosso e realizzato dalla Dibo Eventi in collaborazione con la Film Commission siciliana: «Mov(i)e in Sicily». Un’idea che mira a promuovere il cineturismo in Sicilia, un’applicazione innovativa (e gratuita) capace di segnalare (e fare vedere contestualmente sullo smartphone) quelle aree scelte come location cinematografiche. Alla tavola rotonda interverranno:

Alessandro Rais, direttore generale dell’assessorato regionale Sport, turismo e spettacolo, per Film Commission il direttore Pietro Di Miceli e Michele Gangi, Nello Correale (direttore artistico del Festival del Cinema di frontiera di Marzamemi e promotore del Coordinamento dei Festival di cinema siciliani e dell’Ats Sud-Sud Est), Sino Caracappa (direttore artistico Sciacca Film Fest e vicepresidente del Coordinamento) Sebastiano Gesù (storico e critico del cinema), Tatiana Lo Iacono (direttore artistico Sicilia Queer Film Fest e presidente del Coordinamento), Francesco Tanasi (segretario nazionale del Codacons), Domenica Baudo (responsabile Catania Film Commission e assessore alla cultura del comune di Viagrande), Niccolò Notarbartolo (consigliere comunale di Catania), Gianpiero Vincenzo (docente all’Accademia delle Belle Arti di Catania), Franco La Magna (storico del cinema) e quindi esponenti del mondo del turismo (Pierpaolo Biondi, in rappresentanza di Federalberghi e diversi tour operator fra cui Toti Piscopo, Gaetano Pendolino e Mario Bevacqua), Enrico Barbuto di Apricot Studio (sviluppatore dell’app), Claudia Migliori (Viagrande Studios) e giornalisti di settore. Questo perché la Dibo eventi, organizzatore di State aKorti e capofila nella realizzazione del progetto è nota per la sua proverbiale accoglienza: «Siamo pronti – ha spiegato Riccardo Di Bella, ideatore di State aKorti – a cogliere ogni suggerimento per migliorare un’applicazione che mira alla promozione del turismo in Sicilia, dei set cinematografici come meta turistica».

 Alle 20:30, invece, inizio delle proiezioni. Sette i corti in concorso: «Tacco 12» di Vale Vesto, «Ti credi sano?» di Melabolgia, «Bold» di Davide Gentile, «Beddra matri» di Slavo Spoto, «Un uccello molto serio» di Lorenza Indovina, «Eppure io l’amavo» di Cristina Puccinelli e «Vivo e Veneto» di Marco Zuin. Anche durante la serata sarà proiettato lo spot di «Mov(i)e in Sicily» , presentato in anteprima al Festival del cinema di Frontiera di Marzamemi, per fare il punto sull’avanzamento dei lavori (anche alla luce della tavola rotonda) e sullo stato dell’arte di FCS, il coordinamento dei festival del cinema in Sicilia (www.festivalcinemasicilia.org) al quale hanno aderito ben 30 realtà.

La sorpresa della serata è l’attrice Alessandra Costanzo, madrina di questo ensemble di Festival, che dopo aver ricevuto il premio MizzicaFilm per il lungometraggio «Il Sud è niente» (di Fabio Mollo), nel corso della serata reciterà un monologo in tema con la serata.

Quindi, la folta giuria di State aKorti, composta come di consueto da giornalisti, esperti e critici di settore e presieduta per il primo anno dallo storico e critico del cinema Sebastiano Gesù si riunirà per decretare i due vincitori del Festival: il Miglior corto (che riceverà in premio 500 euro) e la Miglior colonna sonora originale (250 euro).

 Infine, alle 20:30 di domenica 3 agosto, REV-U cinecontest#1, realizzato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Catania.

Durante la tre giorni, a margine della manifestazione, si terrà il Mercatino bio, il Mercatino degli artigiani all’interno del quale si segnala in particolare il nuovo brand, appositamente creato per l’occasione da Keko Arena. Magliette, borse, accessori, il ricavato della cui vendita verrà devoluto al Centro Iqbal Masih e alla squadra di rugby I Briganti di Librino per sostenerne l’operato all’interno del popoloso quartiere satellite di Catania, dove il 15 luglio – all’interno di Campo San Teodoro – si è tenuta l’anteprima del Festival State aKorti.

E’ così che un Festival nato per gioco da una costola della band goliardico-demenziale made in Catania, gli Stipsy King, nel giro di pochi anni si è trasformato in una rassegna dal respiro internazionale di cortometraggi-comico-umoristici (e non solo).

Il concorso è patrocinato da Regione Sicilia-Assessorato al Turismo, Sicilia Film Commission, Comune e Pro Loco di Viagrande, e sostenuto da Villa Itria, Wishlist, Soluzione Immediata, Farmaviva, Natour Sicily, Etna Museum, Codacons, Agriturismo Passitti e Agriturismo Blandano.

Per l’edizione 2014, State aKorti sarà diretto artisticamente da Carlo Lo Giudice, storico presidente di giuria del Festival, mentre a condurre la serata centrale del Festival, sarà la giornalista Carla Condorelli, presentatrice storica di State aKorti e voce femminile della band Stipsy King sotto lo pseudonimo di Erremoscissima.

Scrivi