CATANIA – L’Alliance Francaise di Catania, a seguito della strage accaduta a Nizza, luogo simbolo del turismo internazionale e della Costa Azzurra, si stringe con dolore ai propri fratelli d’Oltrape, e seguirà quanto indicato dal Presidente Hollande “Dobbiamo continuare a essere forti”.

L’Alliance Francaise di Catania è colpita nel cuore, in quanto gemellata con l’Alliance Francaise di Nizza, e con le diverse attività, individuali o in cooperazione, i due centri portano avanti il concetto di aggregazione e sviluppo della lingua e cultura francofona.

“L’attentato avvenuto nel giorno di rievocazione della presa della Bastiglia e festa nazionale, non deve farci soccombere al terrore, ma spingerci a mantenere alta l’attenzione, forse un po’ scesa dopo la fine degli Europei – dichiara la presidente AF di Catania, Chiara La Russa Sudano – Dobbiamo sempre ricordare il grido di Vive la révolution, e l’importante svolta del 14 luglio 1789, quando avvenne la fortezza della Bastiglia e il consequenziale attacco all’Ancien Regime.

Oggi è il tempo del lutto e delle lacrime, ma dobbiamo rialzarci per far sì che con i maestri del terrore non succeda ciò che Tocqueville definisce «la Révolution française a baptisé ce qu’elle a aboli» (la rivoluzione francese ha battezzato ciò che ha abolito). Noi saremo forti e continueremo a unire le diverse culture al fine di sostenere la Francia, ma alcuna senza distinzione di religione, politica o razza, perché i nostri valori sono e saranno sempre Liberté, Égalité e Fraternité”

La segreteria provinciale della Cgil di Catania, unitamente all’Anpi etneo, esprimono “dolore e sdegno per l’attentato consumatosi a danno di inermi cittadini trucidati ieri sera a Nizza. Non finiremo mai di sottolineare il nostro “no” al terrorismo, e alla cieca violenza di chi vorrebbe imporre la strategia del dolore e del terrore. I lavoratori e i partigiani catanesi sono vicini ai familiari delle vittime e a tutti i cittadini francesi”.
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi