Due nuovi appuntamenti per il Consorzio, in programma il 7 e l’8 giugno.

di Salvo Reitano

SIRACUSA – “Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni…” Non c’è bisogno di scomodare Goethe per ricordare  il binomio inscindibile fra il giallo dorato degli agrumi di Siracusa, la storia millenaria del territorio dove si producono e le caratteristiche organolettiche che ne fanno un prodotto unico e irripetibile, non solo per il suo gusto e i suoi profumi.

Se ne parlerà nel corso di un incontro inserito all’interno del convegno organizzato dalla SOAT (Sezione operativa assistenza tecnica) di Siracusa dal titolo “Riconoscere la qualità attraverso i sensi: il Limone di Siracusa IGP, l’olio extra vergine di oliva DOP Monti Iblei, il miele. Sviluppo, sapore e salute”, in programma sabato 7 giugno alle ore 9 presso villa Reimann, durante il quale sarà proiettato il corto “Le virtù del limone”.
Forse non tutti lo sanno, ma in Sicilia si coltiva il 90 per cento della produzione nazionale di limoni, la cui varietà più diffusa è quella del Femminello Siracusano. Il limone rappresenta il 5,4 per cento degli acquisti di frutta fresca in Italia per un volume totale di 244 mila tonnellate.
Il Limone di Siracusa IGP, che è la più importante produzione sia in Italia che in Europa (con 5 mila 300 ettari coltivati che rappresentato il 42 per cento della superficie nazionale), a seconda delle tipologie si distingue in Primofiore, Bianchetto o Maiolino (o limone primaverile) e Verdello (o limone d’estate).Prodotto nei comuni di Siracusa, Augusta, Priolo, Melilli, Sortino, Floridia, Solarino, Avola, Noto e Rosolini, dal 2000 è tutelato dall’omonimo Consorzio che è nato proprio per la sua promozione.
Il Limone di Siracusa IGP è ricchissimo di vitamina C e di sali minerali, ha un’elevata resa in succo e un’alta qualità di oli essenziali. Dissetante, aromatico, digestivo, astringente, diuretico è consigliato per la cura di alcune patologie come influenze o calcolosi renale ed è molto utilizzato anche nel settore della profumeria.
Proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e proapoptotiche, come detto, sono solo alcune delle peculiarità riconosciute in ambito scientifico e medico al limone, e a parlarne saranno il Prof. Giuseppe Daidone, Direttore dell’Unità Operativa complessa di Nefrologia e Dialisi del presidio ospedaliero “Umberto I” di Siracusa, con la relazione “Il limone nell’arte medica”, un excursus storico sul ruolo del limone in medicina dall’antichità ai giorni nostri, e la Dott.ssa Valeria Rizza, farmacista e consulente del Consorzio, che presenterà l’opuscolo da lei curato “TRUST ME. Il limone: natura, salute e vita”.
“Le numerose proprietà salutari del limone sono legate alla presenza dei flavonoidi – spiega Daidone – che hanno un’azione benefica in molte patologie dell’osso, dell’apparato circolatorio e del sistema cardiovascolare. Queste proprietà sono conosciute fin dall’antichità: ne abbiamo diverse testimonianze già in scrittori dell’età classica greca e romana, che in particolare ne esaltano le caratteristiche antinfiammatorie e gli attribuiscono proprietà di antidoto contro i veleni. Il primo a parlarne fu Teofrasto, già nel 310 a.C.”.
Secondo la Dott.ssa Valeria Rizza: “Il limone è un farmaco naturale talmente straordinario che meriterebbe di essere venduto fresco in farmacia. La ricerca affrontata per la redazione di “TRUST ME” mi ha reso doppiamente soddisfatta: come professionista, perché mi ha permesso di approfondire le mie conoscenze sulle proprietà di questo agrume; e come siracusana, dal momento che possiamo vantare la più grande produzione europea di limoni, di grande qualità”.

Il “Limone di Siracusa IGP” sarà poi partner della manifestazione “SudEst Wine Fest” in programma il prossimo 7 e 8 giugno a Siracusa che si terrà presso l’antico mercato di Ortigia dalle 10,30 alle 22 e comprenderà degustazioni, convegni e spettacoli. Questo evento, nato nell’ottica della promozione del territorio oggetto del distretto del SudEst siciliano che unisce le province di Catania, Siracusa e Ragusa, cuce un filo conduttore tra vino e prodotti tipici della gastronomia locale. Con la presenza di uno stand informativo durante le due giornate, il Consorzio intende divulgare informazioni sulle qualità e le potenzialità del prodotto certificato.
Il Consorzio di Tutela del “Limone di Siracusa IGP” sta inoltre organizzando un momento di confronto e formazione, dedicato ai soci ed aperto a tutti i produttori che vogliono approfondire le tematiche legate a tecniche agricole e loro innovazioni, che si svolgerà giovedì 12 giugno a Palazzo Vermexio alle ore 18, dove interverranno agronomi, docenti universitari ed esperti del settore.
Abbiamo citato Goethe e chiudiamo con Pablo Neruda che al limone si è ispirato per una sua poesia intitolata proprio Ode al limone: “Da quei fiori sciolti dalla luce della luna, da quell’odore d’amore esasperato, immerso nella fragranza, sorse dall’albero del limone il giallo, dal suo planetario discesero i limoni sulla terra”.

Salvo Reitano

Scrivi