Ricco il weekend della terza edizione del Festival Internazionale Orchestre a plettro. Sabato 13 nella splendida cornice del Teatro Antico è la volta della City Tamburica Orchestra di Banja Luka (Bosnia Herzegovina).  

L’orchestra ha una storia di oltre duecento anni ed è conosciuta sia per la sua missione culturale che educativa. Diretta dal Maestro Jelena Jovanic, la Tamburica Orchestra di Banja Luka è stata invitata in molti festival nel mondo, vincendo vari premi. Prende il nome da uno strumento a corde pizzicato con un plettro che fa parte della famiglia dei liuti popolari.

image001

Ne esistono diverse fogge e dimensioni, da quello più simile al mandolino al tambura basso, da quello che ha le sembianze di una chitarra fino a quello che somiglia ad un contrabbasso. Il programma dell’orchestra ufficiale della città di Banja Luka vede presente musiche di Maricic, Andric, Mascagni, Velasquez, Rota, Shostakovich e Armstrong. Sempre sabato 13 il secondo appuntamento del giorno è nella Chiesa di santa Caterina alle 21.00 con l’Orchestra il  Plettro di Gardone Val Trompia (Brescia) che eseguirà musiche di Richter, Kubota, Priori, Morricone e Squarzina. Domenica 14 settembre il festival conclude la sua tappa taorminese al Teatro Antico ore 18.00 con l’Orchestra Mandolinistica Romana e a seguire l’Orchestra a plettro Città di Taormina. L’Orchestra Mandolinistica Romana si avvale di circa 25 elementi impegnati in attività concertistiche con diverse formazioni orchestrali, che si dedicano allo studio degli strumenti a plettro nonché alla realizzazione di nuove composizioni. E’ parte integrante dell’Associazione Mandolinistica Romana che, costituita nel 1984, persegue la promozione dell’arte mandolinistica, l’organizzazione di manifestazioni culturali e la tutela del patrimonio culturale mandolinistico.

orchestra mandolinistica romanaPresidente onorario dell’associazione è stato il M° Giuseppe Anedda, scomparso nel 1997,  considerato come colui che ha diffuso nel mondo la conoscenza del mandolino. Negli ultimi decenni si sono alternati, alla direzione dell’Orchestra Mandolinistica Romana,  il M° Salvatore Alù, il M° Carlo Iannitti ed il M° Franco Turchi  (dal dicembre 1994 al dicembre del 2012). Dal febbraio 2013, l’orchestra è diretta dal M° Giorgio Matteoli. L’orchestra eseguirà musiche di Cimarosa, Vivaldi, Di Capua, Mozart, Kuwahara, Mancini e De Curtis. L’orchestra di Taormina ideatrice e organizzatrice insieme a taormina Arte invece eseguirà musiche di Piovani, Calace, Bacalov, Kreidler, Mandonico e Mascagni. Il secondo appuntamento concertistico di domenica è nella Chiesa di santa caterina alle ore 21.00 con la City Tamburica Orchestra di Banja Luka. Novità 2014 l’apertura nel territorio, infatti, il Festival Internazionale delle Orchestre a Plettro si arricchisce di due incursionia Castelmola tra i resti del Castello normanno (15 e 16 settembre ore 18.00). Lo slogan del festival 2014  “A settembre, al calar del sole, al Teatro Antico di Taormina, la magia del mandolino e degli strumenti a plettro” descrive l’atmosfera unica che si respira al Teatro Antico durante le esecuzioni: solo la luce naturale in un panorama unico e ai musicisti il compito di donare un bellissimo pomeriggio musicale. La terza edizioni del Festival Internazionale delle Orchestre a Plettro è organizzato dall’Associazione Musicale Taorminese in collaborazione con Taormina Arte, il Comune di Taormina, il Comune di Castelmola, l’ Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo e l’Assessorato Beni Culturali e Ambientali della Regione Sicilia, il Ministero dei Beni e attività culturali, il Parco Archeologico di Taormina e Giardini-Naxos  e l’Associazione Albergatori di Taormina.

 

 

 

Scrivi