CATANIA – Anche quest’anno si accenderanno i riflettori sul teatro contemporaneo all’ex Monastero dei Benedettini di Catania: dal 26 al 28 giugno torna Teatri Riflessi, il festival organizzato dai volontari di IterCulture grazie al sostegno di diversi partner e del pubblico catanese. Dopo una lunga fase di selezione, iniziata il 16 dicembre 2014 al Teatro Trastevere di Roma, la Direzione Artistica di Teatri Riflessi e i partner di IterCulture hanno selezionato i 12 corti che si esibiranno a Catania dal 26 al 28 giugno 2015, presso il cortile esterno dell’ex Monastero dei Benedettini.

Quest’anno la provenienza dei corti sembrerebbe meno eterogenea: tre compagnie siciliane, una napoletana, una milanese e sette compagnie romane. In realtà, dando un’occhiata ai titoli, leggendo i copioni e conoscendo i protagonisti di questa edizione, si scoprono radici diverse, retroterra e percorsi che provengono da differenti realtà italiane. Soprattutto il meridione ha risposto in massa al tema “Radici”, protagonista indiscusso delle performance che andranno in scena e di tutte le attività che offrirà gratuitamente al pubblico il festival di IterCulture.

La Giuria tecnica delle semifinali decreterà i 6 corti finalisti che si contenderanno il Premio Spazio Design per il Miglior Corto Teatri Riflessi 2015 e la Menzione della Stampa. Tutti i 12 semifinalisti, invece, concorreranno al Premio Al-Cantara per la Miglior Regia e ai premi offerti dall’azienda Caroli Elettronica per il Miglior Performer e per la Miglior Drammaturgia. Come ogni anno, dal 2009, tutti i premiati riceveranno un’opera d’arte realizzata dall’artista Mary Imbiscuso

Come ogni anno, StuzzicaMente – il foyer di Teatri Riflessi – dalle h.18 ospiterà diverse attività arricchite e collaterali: l’artista e performer palermitana Emanuela Tolomeo offrirà al pubblico gli happening “Intrecci”, colori, emozioni e musica con la partecipazione della cantante Oria; la mostra “Grovigli” che vedrà l’esposizione di diversi artisti siciliani; l’area espositiva-commerciale con artigiani e aziende locali; i forum sull’arte e sul teatro; Obiettivo Reportage (il workshop di fotografia di sena e backstage). Per la prima volta, StuzzicaMente ospiterà un ristorante all’aria aperta per intrattenere il pubblico durante l’intero evento con la buona cucina siciliana, grazie alla partecipazione del ristorante Villa Taverna e il ritorno del Room American Bar.

Teatri Riflessi ospiterà anche due corti fuori concorso: la riduzione dello spettacolo “Un poeta normale” dell’associazione CULT Culture Possibili e “Nella sabbia e per la sabbia” di Lina Maria Ugolini con Tiziana Bellassai, per la regia del Maestro Gianni Salvo.

La finale di domenica 28 giugno sarà introdotta dalle performance e dalle storie del gruppo multietnico Isola Quassùd Liquid Company diretto da Emanuela Pistone. Viagrande Studios regalerà durante le tre serate diversi momenti performativi realizzati dai suoi docenti professionisti e dagli allievi di teatro e danza.

E poi… ospiti, momenti di intrattenimento e i premi Riflessi d’arte, attribuiti da IterCulture a chi – nel sociale, nella cultura, nella comunicazione e nel teatro – ha fatto fiorire un riflesso di luce sul nostro territorio: il consorzio Catania al Vertice, Antonio Mannino fondatore e direttore generale di Etna Comics e il grande maestro Gianni Salvo. Ospiti d’eccezione le Malmaritate che racconteranno al pubblico il proprio percorso artistico e i progetti sociali dei quali sono promotrici insieme all’etichetta Narciso Record di Carmen Consoli.

Teatri Riflessi VI è promosso dall’Università degli Studi di Catania e dal Dipartimento di Scienze Umanistiche, organizzato con la collaborazione di Viagrande Studios e dell’Agenzia I Press ed è patrocinato dal  e dal Comune di Catania.

Scrivi