CATANIA-Non sempre chi trova un amico trova un tesoro. Il noto adagio popolare riserva spesso sorprese poco gradite. Lo insegna la vita, lo si rappresenta sul palcoscenico teatrale. Lo sa bene anche Don Liborio Ciaramella, protagonista della pièce “L’amico di papà”, una delle più conosciute opere firmate da Eduardo Scarpetta, che la compagnia Oltre le Camene ha proposto sul palcoscenico del teatro Ambasciatori di Catania, con la regia di Salvo La Rosa. Interpretato dal brillante Nino Spitaleri, Don Liborio è, infatti, costretto a districarsi tra equivoci, intrighi, amori contrastati ma, soprattutto, dal maldestro supporto garantito da Don Felice (Aldo Dinolfo): un giovane “distratto” che, in perfetta buona fede e desideroso di rendere i suoi servigi al padrone di casa, vecchio socio in affari del padre, ne combina di tutti i colori. E così, ecco che sorgono esilaranti e paradossali vicende a causa delle errate interpretazioni di Felice. Angiolina (Nelly Cardone), moglie di Liborio, diviene erroneamente la presunta amante del giovane Ernesto (Damiano Spitaleri) che, in realtà, è lo spasimante di sua figlia Marietta (Roberta Girlando) che il padre vorrebbe dare in sposa allo stesso Felice; e ancora, il figlio della domestica Luisella (Serafina Aiello), finta zitella ma in realtà sposata con Ciccino (Luigi Spitaleri), presunto accordatore di pianoforti, viene falsamente attribuito all’inventata relazione tra Angiolina ed Ernesto mentre Marietta sembrerebbe essere l’amata di Ciccino. A chiudere il cerchio, si fa per dire, una lettera inopinatamente scritta sempre da Felice mette nei guai Liborio con Don Turiddu (Salvo La Rosa), focoso fratello di Bettina, disonorata amante dello stesso Liborio. Ma alla resa dei conti, tutti gli equivoci vengono dissolti e le varie storie intraprendono la strada giusta, tranne per Felice che deve “accontentarsi” del domestico Pasquale (Fabio Tringale), personaggio sui generis e dai risvolti molto particolari. Sulla scena anche Vito La Macchia, nei panni del pretenzioso medico Panfilio.

Scrivi