Com’è difficile la vita per un padre di famiglia, chiamato a districarsi tra le ristrettezze economiche, le frustrazioni della vita lavorativa, i capricci della moglie, il “peso” della suocera, le continue richieste economiche dei figli nullafacenti. Oggi, come ieri, sono in tanti coloro che vivono una quotidianità in cui i grattacapi si susseguono senza soluzione di continuità.E’ il ragioniere Vincenzo Campagna, protagonista della commedia brillante in tre atti “Casa Campagna” di Fabio Jacobello, andata in scena al teatro Ambasciatori di Catania nell’ambito del cartellone allestito dall’associazione culturale Woodstock, diretta da Donata Indaco, rappresenta l’emblema di tanti uomini sull’orlo di una crisi di nervi. Con la regia di Giovanni Puglisi, la pièce ha colto nel segno, regalando ampie risate e divertimento al numeroso pubblico intervenuto. Dopo il successo riscosso dai primi due eventi, “L’acqua cheta” e “Nessun… a dorma”, che hanno visto come protagonista il soprano Cosetta Gigli, spazio alla prosa. E’ stato lo stesso regista Puglisi, comico poliedrico e dalla battuta sempre pronta, ad interpretare lo sfortunato pater familias che, come se non bastasse, ha dovuto districarsi tra gli equivoci sorti a seguito dell’acquisto di un’abitazione che, in precedenza, era stata adibita a vera e propria casa d’appuntamenti. Ad affiancare Puglisi è stata l’attrice Alba La Rosa che si è ben disimpegnata nel ruolo di Serenella, consorte spendacciona e grande appassionata di fiction e telenovelas. Divertenti anche le interpretazioni di Antonio Parisi e Klizia Sambataro, nei panni, rispettivamente, di Roberto e Luisa, figli sfaccendati della coppia, anche se presunti universitari, e di Antonio Pitalà che ha interpretato Ninì, l’osteggiato fidanzato della fanciulla. La trama della tragicomica pièce si è snodata anche attorno alle “invadenti” presenze di altri personaggi, tutti marcatamente caratterizzati: due attempati clienti della vecchia casa d’appuntamenti (interpretati da Natale Puglisi e Santi Cavallaro), Donna Carmela, pettegola portiera dello stabile (Gisella Nicolosi), zio Peppino, “paesano” stordito dal caos cittadino (Carmelo Catania), l’onorevole Truffa, politico corrotto (Tano Parisi) con la sua gelosa consorte (Annalisa Parisi). Prossimo appuntamento il 28 marzo con lo spettacolo “Un palco all’operetta” con il soprano Cosetta Gigli, il baritono Guido Trebo, gli attori Giovanni Puglisi ed Alba La Rosa e il duo Bouquet di Note (Simona Scirè e Rosalba Nicolosi).

A proposito dell'autore

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi