Teatri di Pietra Sicilia dal 23 luglio al 23 agosto. Si conclude la programmazione di Teatri di Pietra a Selinunte. Dopo il successo registrato con Le Supplici al Teatro Greco di Siracusa per il Ciclo di rappresentazioni classiche , l’ormai collaudata coppia artistica Moni Ovadia- Mario Incudine torna a teatro con “Anime Migranti” operina per voci recitanti e orchestra popolare che sarà messa in scena, per il circuito Teatri di Pietra Sicilia, sabato 22 agosto alle ore 21.15 al Tempio di Hera di Selinunte, ultimo spettacolo in questa location per la rete che promuovere la conoscenza del patrimonio storico e paesaggistico attraverso lo spettacolo dal vivo. Lo spettacolo (che sostituisce l’annunciata “Medea” con Barbara De Rossi, annullato dalla produzione), è un progetto corale sulla fratellanza tra i popoli scritto e musicato da Mario Incudine su testi di Mariangela Vacanti abbracciato dalla voce di Moni Ovadia e dall’attrice Annalisa Canfora.

Lo spettacolo che ne è venuto fuori è impregnato di racconti di migranti siciliani, incredibilmente simili, secondo Incudine e Ovadia che ne firmano la regia, alle storie di vita degli immigrati di pelle nera che oggi arrivano a frotte sulle coste siciliane. La migrazione in questa prospettiva è uno specchio nel quale si riflette la Storia, una tela di occhi che si scambiano sguardi disperati da Palermo a Tunisi, da New York a Baghdad. L’unica strada percorribile per le “anime migranti” di ogni tempo è la fratellanza, tracciata da chi ci ha preceduto. Le facce dei siciliani sui bastimenti per l’America, le braccia laboriose nelle miniere belga che hanno fatto più grande l’Europa somigliano come una goccia d’acqua alle mani degli africani approdati sulle coste dello Stivale.
L’operina alterna musica e recitazione, canti e cunti, drammi e sorrisi, i risvolti seri e umoristici della migrazione. Si parte dal grido di un naufrago africano disperato che invoca la morte in mare piuttosto che il rimpatrio in Salina (brano con cui Incudine ha vinto il Festival della nuova canzone siciliana), per approdare a Speranza disperata, riflessione sui siciliani in viaggio per le Americhe, e a Sottomare, strumentale dedicato alle anime in viaggio verso destinazioni lontane. C’è poi la nostalgica Novumunnu, canto d’addio di un migrante alla propria terra madre, lo struggente Lu trenu di lu suli, cunto sulla tragedia di Marcinelle vista dagli occhi della moglie di un minatore siciliano, Namename, preghiera di chi vuol trovare il coraggio di lasciare la propria terra avara di piogge, e i canti che raccontano invece il profondo attaccamento al proprio paese, come Sempri ccà, voce di chi sa che non riuscirà mai a staccarsi dalle proprie radici, Terra, che esprime la carnalità del Mediterraneo che scorre come sangue nelle vene di chi lo abita, e così come Sotto un velo di sabbia che descrive il dramma degli uomini abbandonati alla morte in un Sud che soffoca i sogni come sabbia nella gola. Note di speranza arrivano da Strati di paci, inno alla fratellanza dei popoli, Tenimi l’occhi aperti, in cui un padre consegna ai figli il futuro dei propri sogni, e Lu tempu è ventu, romanza sussurrata di un’umanità che scuote la polvere e trova la forza per dire a se stessa: cammina senza voltarti indientro. Moni Ovadia interviene con letture, storie e poesie di Erri de Luca ed Ignazio Buttitta e con canti della tradizione sefardita, all’attrice Annalisa Canfora il compito di dare voce alle donne, madri e mogli dei tanti migranti che hanno lasciato la propria terra ripercorrendo la loro storia attraverso la lettura di lettere inedite.
«È una riflessione in musica e parole per non dimenticare da dove veniamo e per non assistere ancora una volta al silenzio della memoria – spiega Mario Incudine – la musica popolare, quella che i nostri nonni hanno portato Oltreoceano e quella che ancora vive dentro i racconti di chi è rimasto da questa parte del mare è il filo conduttore di questo viaggio che parte dalla Sicilia: da quest’isola si alza un canto a più voci per raccontare il nostro tempo, un tempo in cui le coste sono teatro di tragedie, di gommoni che non riescono a toccare riva e di mari ormai cimiteri di tanti, indefiniti, morti. Per questo motivo un’opera a più voci, perché sia un unico abbraccio, un’unica voce, un’unica bandiera per la pace e l’amore tra i popoli. C’era una Sicilia che ha visto partire, c’è una Sicilia che vede arrivare. Questa è la Sicilia che si è messa a cantare».

Operina per voci recitanti e orchestra popolare di Mario Incudine e Mariangela Vacanti con Moni Ovadia, Mario Incudine e Annalisa Canfora, Antonio Vasta (pianoforte, fisarmonica, organetto e zampogna), Antonio Putzu (fiati popolari, clarinetto e sax), Pino Ricosta (contrabbasso), Manfredi Tumminello (chitarre e bouzouki), Emanuele Rinella (batteria e percussioni). Regia di Moni Ovadia e Mario Incudine, musiche originali di Mario Incudine. Costumi e maschere a cura di Elisa Savi. Ingegnere del suono Ferdinando Di Marco
Assistente musicale Antonio Vasta.
La rete Teatri di Pietra, ideata da Capua Antica Festival e diretta da Aurelio Gatti, quest’anno in Sicilia è promossa direttamente dai Comuni coinvolti con il sostegno dall’Associazione Teatri di Pietra Sicilia e Capua Antica Festival, in collaborazione con il FAI di Agrigento. Anche quest’anno Teatri di Pietra da vita a un percorso di arte e cultura che privilegia lo straordinario patrimonio storico e artistico siciliano e al contempo offre una concreta opportunità di sviluppo socio-culturale e crescita dei territori coinvolti: obiettivo principale è promuovere la conoscenza del patrimonio storico e paesaggistico della Sicilia attraverso lo spettacolo dal vivo e valorizzare aree straordinarie che si offrono ad una fruizione più ampia, coinvolgendo un pubblico diversificato e più vasto. Tutto questo nonostante la crisi, anche del settore, che non da tregua agli operatori dello spettacolo che continuano nonostante tutto a stare in prima linea, in scena sopra un palco che per tetto ha un cielo di stelle, convinti che la bellezza e il teatro possano dare vita a una nuova comunità. Ed è proprio questo il feel rouge che lega la programmazione siciliana di Teatri di Pietra 2015 che propone capolavori del Mito come testimonianza di una grande perdita, quella della comunità. Questo è lo spirito dell’undicesima edizione di Teatri di Pietra Sicilia: la ri-costruzione di una comunità consapevole e aderente alla proprio storia e identità attraverso il riconoscimento di quegli stessi luoghi, oggi siti archeologici o monumentali, che furono centro e cuore pulsante di civiltà. La ricorrenza di Teatri di Pietra Sicilia, che dal 2005 si propone puntualmente ogni anno nonostante le difficoltà, fa di questa manifestazione un appuntamento “atteso” , testimonianza di un progetto di rete culturale che aggrega e cresce intorno a un’idea innovativa di valorizzazione e sviluppo sostenibile dei territori. Una nuova edizione quindi, resa possibile grazie all’impegno delle Amministrazioni coinvolte che attraverso Teatri di Pietra ribadiscono la volontà a operare un diverso modo di fare “turismo/cultura e sviluppo” privilegiando progettualità che concretamente dialoghino con il territorio, le cittadinanze e le identità che queste esprimono e in cui i luoghi non siano solo demanio da affittare . Un progetto che anche in un momento di grande difficoltà riesce a esprimere la convinzione e la determinazione a fare della cultura e del patrimonio la risorsa principale di sviluppo delle cittadinanze coinvolte.
Informazioni: Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.15.  I biglietti si possono acquistare presso le biglietterie dei siti, la stessa sera dello spettacolo.

www.teatridipietra.org; http://teatridipietrasicilia.blogspot.it/

 

Scrivi