CATANIA − “Siamo profondamente rammaricati e dispiaciuti che Rosanna Purchia abbia optato per il San Carlo. Lo stesso dispiacere di non poter lavorare a Catania lo ha già espresso lei stessa in queste ore, personalmente e pubblicamente. Stiamo già valutando le varie possibilità per il nuovo sovrintendente a Catania e il cda si riunirà la settimana prossima per l’indicazione”, annuncia il sindaco di Catania, Enzo Bianco .
“I contatti erano iniziati da tempo e Rosanna Purchia, escludendo la possibilità di andare in altri teatri, tra i più importanti d’Italia, aveva dato la sua disponibilità per Catania già a partire dalla fine del suo mandato a dicembre, anche a causa dei rapporti incrinati all’interno del cda del San Carlo. Ha visto grandi prospettive di sviluppo e ha accettato la sfida catanese. Nelle ultime settimane è anche venuta due volte in città recandosi in Teatro, incontrando i membri del cda, i musicisti, il direttore amministrativo e tutta la struttura amministrativa, studiando la situazione generale del teatro. Immaginando già progetti, iniziative e realizzazioni. La sovrintendente, nata a Napoli, ha sentito però per la sua città una grande responsabilità che rispettiamo e comprendiamo. Ci sarà comunque una grande e stretta collaborazione tra il Teatro partenopeo e il Bellini, come la stessa sovrintendente ha confermato.
Di fronte, dunque, alla novità inaspettata del cda del teatro napoletano che ha ugualmente nominato la Purchia, ci siamo subito messi a lavoro per la scelta del nuovo sovrintendente che sarà di grande valore e guiderà il Teatro catanese verso il rilancio che abbiamo iniziato in questi mesi. Abbiamo costituito una squadra di grande livello, dal direttore artistico a quello amministrativo e al vice, fino al direttore del coro. La stagione artistica sta accogliendo molti consensi, abbiamo creato le condizioni insieme alla Regione per una norma che aiutasse i lavoratori stagionali e presentato un ambizioso progetto per il FUS a Roma. La settimana prossima, dunque, completeremo il vertice dell’ente con il nuovo sovrintendente all’altezza di Catania e del suo grande Teatro”, conclude il sindaco di Catania.

Scrivi