di Maria Morelli

Il sindaco di Catania Enzo Bianco afferma che sta facendo di tutto, insieme ai professionisti della ragioneria del Comune, per risolvere il problema dei precari. Bianco ha dichiarato inoltre: “Stiamo lavorando per voi e siamo certi che entro breve tempo troveremo un accordo con la Regione per sbloccare la situazione”. È il messaggio che il sindaco di Catania manda al gruppetto di precari da qualche mese senza lavoro che, in segno di protesta, ieri sono saliti sul tetto del Bellini.

Bianco ha ricordato come, al Bellini, si stia passando dalle parole ai fatti: attingendo ai fondi del Dl 35 pagati dal Comune di Catania al Bellini, nei giorni scorsi sia stato disposto il pagamento dello stipendio del mese di luglio e della quattordicesima dei lavoratori dell’Ente, che sono poco meno di trecento. Ventotto sono invece i precari protagonisti della protesta. Questi ultimi non possono essere riassunti a tempo determinato se il Cda non chiede una deroga della legge regionale che vieta le assunzioni, anche a termine, se un ente ha problemi economici.

Il primo cittadino di Catania ha anche ribadito come il rilancio del Teatro Massimo Bellini passa anche dall’enorme successo avuto nei giorni scorsi al Pompei Festival: “Prova maiuscola di orchestra e coro per la prima mondiale di ‘Bohème’ che fa aumentare il nostro prestigio internazionale. E aggiunge ancora: “Un autentico trionfo internazionale al quale Catania ha saputo dare un grande contribuito con l’orchestra e il Coro del Teatro Massimo Bellini”.

“Ci sono stati – ha detto Bianco, che è anche presidente del Bellini – grandi riconoscimenti per i professori d’orchestra e gli artisti del coro, apprezzati anche per l’esecuzione impeccabile in una condizione particolarmente difficile come quella del teatro all’aperto. Anche il maestro Veronesi, una delle glorie italiane nel mondo, si è mostrato molto soddisfatto della prova dei nostri validissimi artisti. Tanto che si parla di una collaborazione per i prossimi quattro anni del Festival di Pompei”.

“Dopo un periodo buio – ha aggiunto il Sindaco – divenuto insostenibile da troppi anni, il nuovo cda sta lavorando sodo per rilanciare il Bellini, anche attraverso vetrine di rilevanza mondiale come il Pompei Festival. Siamo insomma impegnati a far rinascere anche quell’orgoglio di appartenere al Massimo Bellini, teatro lirico dalle grandissime tradizioni e dal prestigio internazionale che, a ogni uscita, si rinsalda. È avvenuto qualche mese fa durante la straordinaria tournée di Shanghai ed è avvenuto anche con questa ‘Bohème’ di Pompei. Di rilevante importanza è anche il rilancio del Bellini Festival catanese con Enrico Castiglione, lungimirante direttore artistico, che ha previsto già due appuntamenti per questo mese di settembre nel Palazzo della Cultura e per novembre nel Duomo, con un corollario di importanti iniziative”.

Maria Morelli

Scrivi