di Agnese Maugeri

CATANIA- “È l’opera della mia vita, costruita pian piano nel corso degli anni grazie alle esperienze che ho vissuto”, con queste IMG_0581parole Salvo Guglielmino ha presentato il nuovo musical “La Lupa – suspiri d’amuri” alla sala eventi Le Dome di Catania.

Suspiri D’Amuri è la canzone scritta in dialetto siciliano da Guglielmino per il festival della nuova canzone siciliana e descrive la struggente passione e intesa d’amore tra un uomo e una donna che la vita costringe a rinunciare, obbligandoli a rifugiarsi nei sogni come unico luogo dove potersi amare.

Lo spettacolo, che debutterà il 5 dicembre al Teatro Metropolitan di Catania, è una rivisitazione in chiave contemporanea della famosa novella di Verga, pur attenendosi alla storia raccontata dallo scrittore verista, Guglielmino insieme al coreografo Ernesto Forni e al musicista Alberto Fidone ha optato per delle scelte innovative che rendono unico questo musical. La danza è usata come messaggio forte e primario, la musica non è un mero accompagnamento ma diventa commento dell’opera.

Il recital inizia quando tutto è già accaduto, il dramma si è già consumato, Nanni dopo aver ucciso la Lupa, donna di malaffare, scappa in America, dopo 30 anni fa ritorno nella sua isola in quella Sicilia che appare terra perduta e sempre amata, così come è descritta nella visione verghiana.

Da qui, spiega Guglielmino durante la conferenza, si aprono due dimensioni che avvolgono Nanni in un vortice di follia, amore e morte, tra passato e presente, passione e rimpianti.IMG_0584

Si viaggerà tra i ricordi di Nanni da giovane, dal suo incontro, all’attrazione per la Lupa, al matrimonio con la figlia Mara fino al tragico epilogo, per tornare al presente con un Nanni ormai anziano a cui è affidata la narrazione dell’opera stessa, ancora in preda alla disperazione che prima di morire sogna di rincontrare la sua Lupa.

All’incontro era presente Ornella Giusto interprete della Lupa che ha descritto il suo personaggio “un ruolo forte e travagliato, all’inizio mi basavo molto sulla Lupa descritta da Verga pur sapendo che quella di Suspiri d’amuri è una Lupa diversa, solo pochi giorni fa sono riuscita a partorire il personaggio così come lo avevamo pensato e ideato corpo e anima”.

Le musiche curate da Alberto Fidona saranno suonate dal vivo da un’orchestra e i brani saranno sviluppati in forma concertistica.

Le coreografie sono opera di Ernesto Forni coinvolto da Guglielmino in questo straordinario progetto “quando Salvo mi propose il IMG_0582musical gli risposi subito di no perché pensavo fosse una mole di lavoro immensa, poi per la stessa ragione e convinto dalla sua insistenza decisi di accettare per realizzare questa sfida”. I balletti sono tutti di danza contemporanea, un gruppo di ragazzi ballerini di Hip Pop interpreteranno i contadini amici di Nanni, i giovani fanno parte della Dogma Union Crew da poco tornati da una competizione a Las Vegas dove si sono aggiudicati il 15 posto al mondo; la compagnia di danza contemporanea è stata selezionata dal scuola Balletto di Sicilia.

L’intento del musical è di eliminare tutti gli elementi folkloristici dell’opera, coppole e lupare, anche i costumi sono stati scelti appositamente di colore nero come la terra e il dramma e il rosso della passione e del fuoco siciliano.

Il set scenografico è solo uno ma grazie a delle proiezioni in video mapping 3D i ballerini e i cantanti potranno interagire con il paesaggio durante i cambi spazio-temporali.

Uno spettacolo frutto di un lavoro corale in un’armonia produttiva che rende la compagnia affiatata, il progetto che debutta a Catania prevede ulteriori tappe nazionale e anche all’estero.

Agnese Maugeri

 

Scrivi