CATANIA − Giampiero Panvini è il nuovo commissario dell’Istituto dei Ciechi Ardizzone Gioeni e già dai primi giorni dopo l’insediamento si respira aria nuova all’interno del mastodontico edificio che, come noto, è sito in via Etnea quasi al Tondo Gioeni, e si sviluppa su un area di circa 20.000 mq, e all’interno del quale, a parte l’ampio cortile, vi è anche una deliziosa piccola chiesa e moltissimi locali. Il nuovo commissario ha dimostrato sin dall’inizio di voler rilanciare l’immagine dell’Istituto stesso e soprattutto di voler risistemare questo maestoso plesso, che ha trovato in condizioni sicuramente non eccellenti.

Oltre ad una Santa Messa celebrata domenica scorsa nella meravigliosa chiesetta, bisognosa certamente dell’attenzione della Soprintendenza a Beni Culturali, dato il suo discreto stato di conservazione, ma che comunque necessita di più attenti interventi seguiti da chi istituzionalmente fa questo lavoro, il nuovo commissario ha voluto la rappresentazione di un lavoro teatrale (nell’ampia sala apposita) dal titolo ”L’Incantesimo”: il risultato è stato che il salone del teatrino si è riempito a tal punto che alcuni hanno dovuto rinunciare ad  assistere allo spettacolo per mancanza di posto.

La rappresentazione è durata circa 30 minuiti, per la regia di Walter Manfrè con testi di Massimiliano Perrotta e ha avuto come attori anche un gruppo di ragazzi migranti ospiti del Cara di Mineo e dello Spar di Vizzini, che hanno fatto da ottima spalla ai più esperti attori indicati dall’associazione Teatro del Mediterraneo, rappresentata dal presidente Riccardo Tangusso, e che alla fine hanno salutato il pubblico con una passerella lungo la sala.

Auguri al nuovo commissario che certamente farà risplendere l’Istituto. Tra il pubblico anche l’onorevole Marco Forzese e il Soprintendente BB CC Fulvia Caffo.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi