CATANIA – Sabato 13 Febbraio, alle 21,00, con replica domenica 14 alle 18,00, la compagnia “Luci della ribalta”, promossa dall’omonima Associazione artistica e culturale e diretta brillantemente da Salvo Fazio, porterà in scena, al Teatro Piscator di Catania, “Non ci rimane che ridere”. La pièce è uno spaccato del vecchio varietà che desidera ripercorrere i tempi della bella Italia degli anni ’30-’50. Un cast variegato: una magnifica orchestra dal vivo, un trio femminile che evoca le ragazze dello swing ossia il trio Lescano, le ballerine, gli attori, i macchiettisti, i comici, la suobrette, la sciantosa, oltre il presentatore e la straordinaria partecipazione del grande musicista Gill Negretti. Tutti ingredienti che, in scena, si fondono insieme per creare una sinergia con l’unico obiettivo di far rivivere al pubblico il clima scintillante di quegli anni, fatto di piume, paillettes e musica di sottofondo. Una regia curata con precisone dal Direttore Artistico della stagione teatrale, Giacomo Famoso, con l’intento di recuperare la possibilità di fare qualcosa che faccia ridere in un modo intelligente e senza paura di essere considerati non-impegnati. Una comicità sobria che non deve fare ricorso alle parolacce o alla grossolanità per suscitare le risate del pubblico. Due ore, insomma, di grande spensieratezza, leggerezza, gioiosità e romanticità perché i brani scelti, oltre a raccontare quell’epoca, sono tutti innegganti all’amore. La compagnia, inoltre, ha altri appuntamenti imminenti, infatti, porterà in scena, il 28 Febbraio, al Teatro Vittorio Currò di Barcellona Pozzo di Gotto, la commedia brillante “Biscotti alle noci” di Nino Criscione e, a seguire, il 19 e 20 Marzo “Papino” di Dino Falconi, al Teatro Piscator di Catania.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi