ENNA – “Odissea – un racconto mediterraneo”, produzione del Teatro Pubblico Ligure di Genova, domani sera, sabato 9 aprile alle ore 20,30, si congeda dal pubblico di Enna con il quarto e ultimo appuntamento previsto nel cartellone del Teatro Garibaldi, quello dedicato ai Canti VI-VIII dell’opera omerica, “Odisseo nell’isola dei Feaci”, per l’occasione affidati alla voce e al talento di Giuseppe Cederna. Quella di domani sarà dunque l’ultima occasione, per il pubblico siciliano che frequenta il prezioso teatro di Enna, per assistere ad una “tappa” del capolavoro omerico nella lettura che ne fa il progetto del Teatro Pubblico Ligure di Genova “Odissea – un racconto mediterraneo”, ideato e diretto dal regista Sergio Maifredi. (Infoline: 0935 40540 / 40560. Biglietteria http://www.liveticket.it/teatrogaribaldienna).

Giuseppe Cederna è attore (fu tra gli interpreti del film premio Oscar Mediterraneo di Gabriele Salvatores), scrittore, viaggiatore. Il “suo“ Odisseo lo vede così: “Io sono un attore-narratore – dice – e questo ormai è diventato per me un racconto-radice, dovuto al piacere dato dalla materia, il momento in cui Odisseo viene liberato e arriva da Nausica e piange lacrime che sono di pudore, ma anche da cosa l’Odissea rappresenta per l’Umanità, una grande testimonianza che raccogliamo noi oggi, a nostra volta testimoni di fatti storici enormi quanto gravi. E non vedo l’ora di salire sul palcoscenico di Enna perchè portare questo testo nel cuore della Sicilia, lì dove tutto è accaduto, lo considero una boa del mio viaggio per aggirare il capo”.

Sergio Maifredi, direttore del Teatro Pubblico Ligure, descrive così questa ultima tappa del “viaggio” di Odisseo al Teatro Garibaldi di Enna: “Cederna affronta uno degli snodi fondamentali dell’Odissea, quando Odisseo ha finalmente l’occasione di raccontarci la sua versione dei fatti. Vi è un gioco di specchi tra Omero che guarda Demodoco il cantore che, invitato dal re Alcinoo, canta le gesta di Odisseo che a sua volta si fa cantore. Il racconto passa da una inquadratura in ‘oggettiva’ ad una in ‘soggettiva’, ora viviamo l’Odissea con gli occhi del protagonista”.

Maifredi, che il progetto “Odissea – un racconto mediterraneo” ha ideato e dirige, traccia pure un bilancio di questi mesi di spettacoli al Teatro Garibaldi di Enna: “Ogni volta che si instaura un rapporto con un pubblico nuovo, in questa nostra Odissea ‘a tappe’, si riceve una gioia particolare dal riconoscere, sera dopo sera, i volti degli spettatori e vederli sempre più complici, partecipi , in attesa della prossima puntata – dice Sergio Maifredi -. Non esiste un teatro se non vi è una comunità, e a Enna l’abbiamo trovata: in un sindaco e in una amministrazione sempre presenti, in un direttore artistico, Mario Incudine, appassionato e trascinante, nei volti che ogni sera ci hanno accolto”.

L’Odisseo di Giuseppe Cederna al “Garibaldi” di Enna mette dunque il sigillo a un percorso che, da gennaio ad ora, ha proposto per il progetto “Odissea – un racconto mediterraneo” appuntamenti di grande prestigio e di enorme interesse e che hanno riscosso un grande successo: Tullio Solenghi in gennaio ha proposto il Canto XIX, “Odisseo e Penelope”; Maddalena Crippa in febbraio si è misurata con il personaggio di Penelope (Canto XXIII); a marzo Amanda Sandrelli ha vestito i panni della Ninfa Calipso.

Per info e approfondimenti: www.teatropubblicoligure.it . Infoline: 0935 40540 / 40560, teatrogaribaldi@comune.enna.it; www.comune.enna.it/teatrogaribaldi . Biglietteria http://www.liveticket.it/teatrogaribaldienna

SCHEDA DELLO SPETTACOLO

ODISSEA – UN RACCONTO MEDITERRANEO

progetto e regia di Sergio Maifredi

produzione Teatro Pubblico Ligure

GIUSEPPE CEDERNA

Odisseo nell’isola dei Feaci (CANTI VI-VIII)

“Questo cantava il cantore glorioso; e Odisseo

il gran manto purpureo afferrando con le mani gagliarde,

lo tirò sulla testa, la bella fronte nascose,

ché dei Feaci aveva pudore a versar lacrime sotto le ciglia”

Odisseo arriva alla terra di Alcinoo, l’isola dei Feaci, dopo otto anni trascorsi nell’isola di Calipso.

Nell’isola di Alcinoo avviene il “montaggio” dell’Odissea, in un gioco di rimbalzi e di specchi tra cantori: Omero in “oggettiva” canta il presente di Odisseo; Demodoco da un’altra prospettiva canta per gli ospiti del re Alcinoo e per Odisseo, non ancora rivelatosi, la storia del distruttore di Ilio, di Odisseo stesso. Odisseo è già mito. Odisseo si commuove e nasconde il volto col mantello.

Qui, al banchetto di Alcinoo, Odisseo si fa cantore a sua volta e canta “in soggettiva” la sua versione, la sua Odissea.

Ed è ancora qui che nasce il flash back, il primo flash back della letteratura occidentale. La narrazione non segue più il tempo che procede lineare in avanti ma un tempo che gira, torna indietro “con il rewind”, si avvolge creando cerchi in cui ogni episodio vive in assoluto.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi