SIRACUSA  – “Il Teatro comunale torna ad aprirsi alla cultura. Un momento che la città attende da 58 anni e che siamo orgogliosi di soddisfare mettendo fine ai tanti annunci”. Lo ha detto il sindaco, Giancarlo Garozzo, ufficializzando la riapertura del Teatro comunale di Siracusa, un edificio realizzato nel 1872 e che fu chiuso agli spettacoli nel 1958, dopo una messa in scena della Cavalleria rusticana. Accanto al sindaco, l’assessore ai Beni e alle politiche culturali, Francesco Italia, e l’attore siracusano Enrico Lo Verso, che martedì reciterà per la prima volta, da professionista, nella sua città mettendo in scena un monologo tratto da “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello, spettacolo che ha al suo attivo numerosi sold-out.

L’inaugurazione, però, è prevista per lunedì 26: in scena l’orchestra da camera ArchiEnsamble con il coro lirico Conca d’Oro e i solisti Mario Stefano Piertrodarchi (fisarmonica bandoneon) e la soprano Natalia Demina. A Capodanno ancora musica con un “Invito al valzer” del pianista siracusano Orazio Sciortino. A gennaio, tra le altre proposte, un’esibizione di Paolo Fresu.

“Vivo una forte emozione – ha aggiunto il sindaco Garozzo – perché da oggi Siracusa, al pari di tutte le più importanti città, potrà disporre di un contenitore di straordinaria bellezza che consentirà di programmare iniziative culturali di valore e consone al suo prestigio. Il Teatro è patrimonio di tutti e la sua riapertura è, ovviamente, anche il frutto del lavoro degli ultimi 15 anni; ma con la stessa sincerità devo dire che al momento del nostro insediamento abbiamo trovato una situazione diversa quella che ci avevano raccontato; anche per questa ragione, dovendo correggere alcuni lavori fatti in passato, come nel caso dell’impianto antincendio, i tempi si sono allungati oltre il previsto”.

“È stata una vera corsa contro il tempo – ha aggiunto l’assessore Italia – ma volevamo che tutto fosse pronto per queste feste natalizie, per dare alle città e agli operatori economici un’opportunità in più. L’ultimo nulla osta è arrivato alle 13,30 di oggi e, per rispetto istituzionale, non abbiamo voluto anticipare nulla. Ma sono settimane che lavoriamo a questo momento e ringrazio tutti gli artisti che ci hanno dato fiducia. Il teatro disporrà di 406 posti, 70 in meno di quelli effettivi perché per ora è stato escluso il loggione”.Il sindaco Garozzo e l’assessore Italia hanno anche ringraziato l’Associazione carabinieri e tutte le imprese che hanno deciso di dare il loro contributo gratuito per arrivare alla conclusione del lavori.

Intanto  è stato aperto il botteghino per le prenotazioni e la prevendita dei biglietti, il cui costo oscillerà da 20 ai 30 euro. Una quindicina gli eventi previsti in cartellone fino alla fine di gennaio.

GliArchiEnsemble, Mario Stefano Pietrodarchi, Natalia Demina e il coro lirico Conca D’Oro diretto dal Maestro Domenico Guzzardo si esibiranno con un concerto di Natale al Teatro comunale della città di Siracusa, che riapre al pubblico dopo 60 anni, lunedì 26 dicembre 2016 alle ore 19. Il concerto è promosso dall’assessorato al Turismo e allo Sport e dall’associazione culturale Arte Nuova di Palermo. Ingresso con biglietto.

Programma

J Haydn                                                                                                              Sinfonia n.1 in D Major

G.F. Haendel                                                                                                    Lascia ch’io pianga da Rinaldo

Giuseppe Giordani                                                                                        Caro mio ben

  1. Faurè                                                                                                             Pavane op..50

Martin Palmeri                                                                                                Misa a Buenos -AiresMisatango

Gli ArchiEnsemble

 Orchestra da camera composta da undici strumentisti: tre violini primi, tre violini secondi, due viole, due violoncelli ed un contrabbasso. Nato a Palermo undici anni fa dall’unione delle prime parti dell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, il gruppo da camera ha collaborato con grandi solisti e direttori, quali Boris Belkin, Günter Neuhold, George Pehlivanian, Hubert Soudant e tanti altri. Non solo concerti, ma anche quattro dischi: “gliarchiensemble”, “Il suono del ‘900” (cd gold 24K), “Il suono del ‘900 (Super audio cd) e “Suggestioni”.

Gli ArchiEnsemble: organico

 Domenico Marco, Salvatore Tuzzolino, Ivana Sparacio, Andrea Del Moro, Gabriella Iusi, Ornella Mineo, (violini)

Vincenzo Schembri, Giuseppe Brunetto (viole)

Giorgio Gasbarro, Francesco Pusateri (violoncelli)

Damiano D’Amico (contrabbasso)

Salvatore Scinaldi (Cembalo)

Solisti

Mario Stefano Pietrodarchi bandoneon

Natalia Demina soprano

Coro Lirico Conca D’Oro

Domenico Guzzardo maestro del coro

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi