Sabato 22 e replica domenica 23 agosto, Antigone con Giuseppe Pambieri e Barbara Bovoli, al Teatro di Segesta. Antigone, cronaca di un teatro di guerra con Giuseppe Pambieri e Barbara Bovoli per la regia di Lia Tanzi andrà in scena al Teatro di Segesta Sabato 22 e replica domenica 23 per il Calatafimi Segesta Festival Dionisiache 2015. La replica di Antigone, domenica 23 sostituisce lo spettacolo Lisistrata, regia di Cristiano Roccamo, con Vanessa Gravina.

Antigone, tragedia di Sofocle, è stata rappresentata per la prima volta ad Atene alle Grandi Dionisie del 442 a.C. ed appartiene al ciclo di drammi tebani ispirati alla drammatica sorte di Edipo, re di Tebe, e dei suoi discendenti. Antigone decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice contro la volontà del nuovo re di Tebe Creonte. Scoperta, Antigone viene condannata dal re a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell’indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma è troppo tardi. Antigone è la ribelle, Antigone la dolente, Antigone l’eroica, Antigone la martire ma anche e soprattutto “la sorella” che si oppone ai soprusi del potere e alle ingiuste leggi dei potenti in nome dei diritti sacri della famiglia e del sangue. Da quando Sofocle ha messo in scena Antigone la figlia di Edipo ha rappresentato l’emblema della ribellione individuale contro la sopraffazione dello stato. Dovunque vi siano discriminazioni razziali, intolleranze religiose, conflitti, dove una minoranza reclami giustizia, Antigone assume il suo ruolo di eroina che sfida i regimi totalitari in nome di una “pietas” universale. In un desolato luogo senza tempo – spiega la regista Lia Tanzi – dove l’uomo con le sue insensate leggi difende il suo potere distrugge l’umanità, Antigone difende in nome di una giustizia, che appartiene al divino ed al patrimonio di ogni uomo sensato. La voce del coro, come una Madre Terra, commenta impotente la rovina che l’uomo fa di se stesso e della natura, rappresentando Antigone in una modernità assoluta grazie al genio di Sofocle.

” Antigone”, cronaca di un teatro di guerra da Sofocle, versione di Luca Simonelli e Fausto Costantini, regia Lia Tanzi.
Interpreti Giuseppe Pambieri e Barbara Bovoli  e con Elisa Silvestrin, Matteo Micheli. Manuel Pica.
Produzione BBTheatre & Ass. Teatroper

Prevendita www.ticketone.it

Scrivi