ACIREALE – “Per un vero rilancio dello stabilimento termale acese è necessaria una visione ampia e sistemica. Non si tratta infatti solamente di gestire un’azienda ma di disegnare la pianificazione dei sistemi di servizi urbani e la creazione di reti per la promozione della cura del benessere, dei beni culturali e dell’identità locale”. A dichiararlo sono Fausto Raciti, deputato nazionale di Acireale e segretario regionale del Partito democratico, e Sebi Leonardi, segretario del circolo acese del Pd. “La soluzione più rapida per giungere ad un affidamento della gestione dello stabilimento a privati, stando ai principi di cui sopra, è la costituzione di un tavolo regionale che veda la partecipazione dei Comuni, della Città Metropolitana e del commissario liquidatore, dietro la regia unica della Regione Siciliana e dell’assessorato regionale all’Economia. In quella sede va inoltre promosso un accordo di programma che veda l’impegno di risorse finanziarie necessarie alla rigenerazione dell’assetto insediativo e infrastrutturale dell’intera area. Ci aspettiamo altresì, da parte della Regione, la nomina di un advisor di caratura internazionale che sondi il mercato di settore e evidenzi le condizioni da inserire nel bando per rendere lo stesso attraente per gli operatori privati. La governance dell’intero processo andrà gestita facendo leva anche su una proficua partnership con l’Università di Catania, il sistema sanitario e i centri di ricerca scientifica. Il Pd farà la sua parte – concludono Raciti e Leonardi – sul solco delle idee elaborate nel corso degli anni sul termalismo e sullo sviluppo sostenibile ed integrato del nostro territorio”. 


-- SCARICA IL PDF DI: Terme di Acireale, Raciti e Leonadi (Pd): "Serve visione ampia per rilanciarle" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata